.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


26 agosto 2009

Si riapra l'inchiesta sulla morte di don Cesare Boschin

L'inchiesta sulla morte di don Cesare Bianchin deve essere riaperta. Lo ha sostenuto don Luigi Ciotti, presidente dell'associazione Libera, commentando il mancato scioglimento del Comune di Fondi in provincia di Latina per presunte infiltrazioni della criminalità organizzata.

Ma chi era don Cesare Bianchin? Come è morto? Perchè deve essere riaperta l'inchiesta sulla sua morte?
Per rispondere a queste domande può essere utile leggere l'articolo di Antimo Lello Turri, pubblicato da 'Liberainfromazione':

"Il ventinove marzo 1995 Don Cesare Boschin aveva 81 anni. Gli ultimi quaranta li aveva passati a servire Cristo come parroco della chiesa di Sant’Annunziata di Borgo Montello, a soli dieci chilometri da Latina. Realtà, questa, di tremila abitanti, che il sacerdote assisteva e di cui conosceva bene le difficoltà, le miserie e le speranze. La più scomoda era quella di cambiare qualcosa in relazione alla discarica situata nel borgo. Un sito realizzato su uno dei terreni più fertili della provincia di Latina. Ciò, non andava affatto giù a molti di loro che si erano riuniti in un comitato. E, ovviamente, la cosa era ancora meno digeribile quando i sospetti di interramenti di rifiuti tossici da parte delle organizzazioni mafiose, si facevano sempre più consistenti.
Sospetti che, tra l’altro, vennero confermati dal pentito di 'Gomorra', Carmine Schiavone. Don Cesare aveva deciso di appoggiare quella battaglia dei suoi parrocchiani odiando la violenza e la sopraffazione che era contro il suo modo di essere e di amare Cristo e la vita. Evidentemente quel comitato era scomodo. Dava fastidio. La mattina del trenta marzo la perpetua, come ogni giorno, salì in casa dell’anziano sacerdote per accudirlo. Fece le scale raggiungendo il piano sopraelevato dove si trovava l’alloggio di Don Boschin. Notò subito il disordine ed esclamò: 'Don Cesare ma cos’è questa confusione?' Non udendo risposta si recò nella camera da letto del religioso e trovò qualcosa di terribile: Cesare Boschin era morto, incaprettato, legato mani e piedi e imbavagliato con il nastro adesivo. Un asciugamano sporco del suo sangue era appoggiato sui piedi. Terrorizzata e piangente diede l’allarme. Il sacerdote era stato assassinato.
All’arrivo degli altri parrocchiani e, quindi, delle forze dell’ordine, si notò che tutto era stato messo sotto sopra da chi lo aveva ucciso. Ma, la cosa che balzò immediatamente agli occhi, fu che il portafoglio era intatto con ancora dentro 800.00 lire di Don Cesare. Eppure, a dispetto dell’evidenza testarda, sulla stampa del giorno dopo, si disse che quella morte probabilmente doveva essere il frutto di una rapina ad opera dei tossicodipendenti della zona che lo stesso Boschin accudiva sia spiritualmente che materialmente. Inoltre, altri soldi, che si trovavano tra i libri del Parroco, non furono neppure toccati.
Altro elemento sconvolgente, che ricorda altri episodi della storia del nostro Paese ben più famosi, fu che i carabinieri scoprirono la mancanza di due agende di Don Boschin, su cui il sacerdote annotava minuziosamente ogni evento, notizia, informazione. E fu nello stesso stile con cui si disse che don Diana fu ucciso perché molestava delle giovani ragazze, che venne vociferato che il movente dell’omicidio Boschin dovesse essere ricercato nella sua predilezione per i minorenni. Cosa assolutamente e categoricamente falsa, tanto da essere smentita dai suoi parrocchiani e dagli stessi bambini di allora, ormai grandi, che stavano serenamente vicino al sacerdote senza mai aver ricevuto pressione o violenza di sorta.
Il messaggio veicolato con quell’atto di assurda violenza, fu chiaro. Il comitato a difesa del borgo fece un passo indietro e placò le sue attività, fino a cessarle del tutto di lì a poco. Tuttora non si conoscono i nomi dei responsabili dell’omicidio. Tuttora, i fedeli di Borgo Montello portano fiori sulla tomba di Don Boschin. Lì, in quel luogo a soli sessanta chilometri da Roma, più di qualcuno sta vincendo la paura e ha voglia di parlare. Per non dimenticare".
 
In una parte dell'articolo di Rita Cammarone pubblicato sul giornale 'La Provincia' con maggiore precisione vengono descritte le vicende relative alla discarica di Borgo Montello che potrebbe essere la causa della morte di don Cesare:

"...Era successo che nottetempo camion provenienti dalla concerie di Vicenza e di Arezzo scaricavano rifiuti speciali, il cui smaltimento nella discarica di Borgo Montello sarebbe stato garantito ad un prezzo molto concorrenziale per via delle omesse procedure di legge. Don Cesare sapeva. Don Cesare sapeva, perchè parlava con i suoi parrocchiani e registrava le confidenze di tutti, soprattutto di quelle madri preoccupate dei figli che dopo un paio di notti sui tir tornavano a casa con un mucchio di soldi. Voci, testimonianze, conferme. Mai smentite...Nel frattempo il comitato civico, con a financo il parroco, riuscì a convincere l'amministrazione comunale di Latina ad intervenire. Il Sindaco Ajmone Finestra incaricò l'Enea per le ricerche. L'esito, con tanto di rilievi positivi sulla concentrazione di metalli, scomparve misteriosamente. In un successivo studio la parte riguardante i rilievi fu omessa...E' in questo contesto che va letto il messaggio dell'uccisione di don Cesare Boschin? Dire alla gente del posto di tacere per non fare la stessa fine del vecchio parroco?".

A me sembra quindi più che giustificata la richiesta di riaprire le indagini sulla morte di don Cesare Boschin coinvolto, suo malgrado, in una vicenda con la quale si dimostra inoltre che la presenza delle mafie si manifesta da tempo anche in regioni diverse da quelle meridionali e che la richiesta di procedere allo scioglimento del Comune di Fondi, sempre in provincia di Latina, è tutt'altro che infondata.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. don Cesare Boschin mafie Latina

permalink | inviato da paoloborrello il 26/8/2009 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa


sfoglia     luglio        settembre
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom