.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


30 luglio 2017

Le "mani che non amo ma sono le mie", il post di Barbara, tetraplegica

La scrittrice Barbara Garlaschelli pubblica le foto delle sue mani, “il punto dolente, lo stigma che mi getta senza compassione nella categoria delle tetraplegiche. Queste mani sono le mie. E non cerco comprensione o compassione o altro. Solo sento il bisogno di mostrare anche ciò che di me non amo”. E il post spopola in rete.

Barbara Garlaschelli ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Redattore Sociale”.

“Le mie mani sono il punto dolente, lo stigma che mi getta senza compassione nella categoria delle tetraplegiche”.

Le mani, per Barbara Garlaschelli sono il segno più evidente e più difficile da accettare, quasi il simbolo della propria disabilità. Una disabilità peraltro più che accettata: vissuta, accolta, raccontata, fino a farne arte e letteratura. Ma le mani sono “il punto dolente”, sempre lì a rammentare ciò che potevano e ora non possono, ciò che erano e poi non sono più.

Per questo, per riconoscere e in qualche modo perfino celebrare questa debolezza, la scrittrice ha pubblicato due foto: le foto delle sue mani, insieme al post che definisce “più intimo, impudico, coraggioso che abbia mai scritto”. Un post che, in poche ore, ha conquistato migliaia di “like”.

“E’ facile postare foto in cui mi vedo bella – scrive – E’ facile mostrare le mie gambe lunghe, le spalle ben tornite, il décolleté che per ora reggo, il viso che c’ha un suo perché”. Molto più difficile mettere in mostra le proprie mani, visto che “io non amo le mie mani – confessa francamente – che peraltro fanno un degno lavoro. Le dita serrate, la mancanza di un’armonia che mi colpisce. Eppure non le tengo mai ferme, le mostro cercando, spesso riuscendoci, di depistare i miei interlocutori, che non capiscono che non posso stringere le dita, afferrar le cose…”.

Ribadisce, la scrittrice: “Le mie mani non le amo, anzi… Cerco di non pensare a quando suonavano il pianoforte o afferravano borse e penne. Le mie mani, eterno monito che tutto può smarrirsi in un secondo, eppure continuare a vivere come se niente fosse”. Le foto e il post sono quindi un atto di coscienza, una presa di posizione: “Queste mani sono le mie. E non cerco comprensione o compassione o altro. Solo sento il bisogno di mostrare anche ciò che di me non amo. Queste mani son parte di me”.




permalink | inviato da paoloborrello il 30/7/2017 alle 10:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     giugno        agosto
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1022904 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom