.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


6 agosto 2017

2017 Odissea nelle spiagge

Il leader dei Verdi, Angelo Bonelli, ha recentemente presentato il dossier “2017 Odissea nella spiaggia”, nel quale ci si occupa di lidi illegali, coste cementificate e spiagge inaccessibili.

Il dossier è suddiviso in tre parti.

Nella prima si analizza il numero degli stabilimenti illegali presenti in Italia, nella seconda si segnala come tutta la costa italiana stia per essere cementificata, nella terza si riporta il manuale di autodifesa del bagnante, ormai famoso vademecum dei Verdi su come comportarsi per rivendicare il diritto alla libera spiaggia e al libero bagno.

“Le coste italiane sono tra le più cementificate d’Europa secondo l’Unep, il programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, e anche secondo l’Ispra: 160 milioni di metri cubi di cemento lungo i quasi 8.000 chilometri di coste, una incredibile colata selvaggia che corrisponde a 534.000 appartamenti da 100 mq l’uno”, ha spiegato Bonelli.

“Se noi vogliamo rilanciare la bellezza delle nostre coste, che per il 75,4% sono impattate dalla presenza di coperture artificiali, e anche il turismo, che è strettamente legato alla bellezza – ha ribadito il leader dei Verdi – non possiamo consentire questa selvaggia cementificazione. Non è un caso che in molte regioni italiane gli amministratori sono impegnati a emanare sanatorie, condoni edilizi e blocco di demolizioni proprio nelle zone più belle e vincolate del nostro Paese. Un atteggiamento tipicamente italiano che noi giudichiamo inaccettabile”.

“Ecco perchè – ha proseguito Bonelli – noi Verdi anche quest’anno presentiamo il ‘manuale di autodifesa del bagnante’, uno strumento importante e utile che i cittadini possono utilizzare per far valere i propri diritti. Con tutte le indicazioni su come comportarsi per difendere i nostri litorali e per far valere i nostri diritti. Quando ad esempio qualcuno andando in spiaggia vi chiede un biglietto di ingresso, cosa del tutto illegittima e illegale, oppure vedendo  un abuso edilizio che sta per essere realizzato sulla costa o sulla spiaggia, agite in prima persona.”

Quali sono i dati principali del dossier?

In Italia negli ultimi 5 anni sono stati oltre 110 gli stabilimenti balneari sequestrati alla mafia. Da nord al sud d’Italia passando da Roma.

Quali sono i motivi che hanno portato in questi anni la procura distrettuale antimafia ad operare sequestri di queste strutture e quante ancora agiscono indisturbate gestite dai mafiosi ?

In primo luogo la maggiore predisposizione per riciclare denaro di provenienza illecita sulle spiagge, in secondo luogo perché lo stabilimento balneare ha un alto livello di redditività considerato che  il costo (irrisorio) della concessione demaniale incide meno dell’ 1% sul fatturato dello stabilimento come è possibile verificare dai bilanci dell’agenzia del demanio.

19,2 milioni di metri quadri di spiagge sono occupate da stabilimenti, ovvero da 160 milioni di metri cubi di cemento che corrispondono a 534.000 appartamenti da 100 mq l’uno: una grande colata di cemento.

I dati della cementificazione delle coste in Italia sono drammatici se si considera che dei circa 8.000 chilometri più di 6.000 sono già cementificati rimanendone libero solo un quarto (proiezione dei Verdi su dati Wwf), ma visto l’andamento attuale nel 2060 tutta la costa del Belpaese sarà un’unica barriera di cemento e mattoni.

E non basta, secondo i dati Ispra ben un terzo delle nostre spiagge è interessato da fenomeni erosivi in espansione.

Sul resto del territorio non ce la passiamo meglio, sempre l’Ispra nel suo rapporto sul consumo del suolo 2017 avverte che la superficie potenzialmente impattata dalla presenza di coperture artificiali, considerando il territorio ricadente entro una distanza 200 metri dalle aree consumate, è risultata essere pari a il 75,4% della superficie nazionale della relativa fascia.

“La nostra bella Italia non può essere trattata così – ha concluso Bonelli – anche perché con il ritmo di speculazione attuale nel 2060 non ci saranno più coste da proteggere perché tutte cementificate e non potremmo lasciare nulla ai nostri figli e ai figli dei nostri figli”.




permalink | inviato da paoloborrello il 6/8/2017 alle 10:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     luglio        settembre
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom