.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


23 febbraio 2018

Ogni anno 2,6 milioni di neonati non sopravvivono al primo anno di vita

Secondo il nuovo rapporto dell’Unicef “Ogni bambino è vita”, nonostante i grandi successi ottenuti nella riduzione della mortalità infantile globale (0-5 anni), il tasso di mortalità neonatale (0-1 anno) rimane allarmante, in particolare nei Paesi più poveri del mondo. Ogni anno 2,6 milioni di neonati  non sopravvivono al primo mese di vita. Addirittura, un milione di essi muoiono nello stesso giorno in cui sono venuti alla luce. Altri 2,6 milioni nascono morti.

Ciascuna di queste morti è una tragedia, soprattutto perché molto spesso è prevenibile.

Oltre l’80% delle morti neonatali è causata da parto prematuro, complicanze durante il travaglio e il parto, nonché infezioni come setticemia, meningite e polmonite. Cause analoghe, in particolare le complicanze durante il travaglio, sono responsabili di gran parte delle morti perinatali.

Milioni di giovani vite potrebbero essere salvate ogni anno se madri e neonati potessero accedere a un’assistenza sanitaria di qualità, a una buona alimentazione e ad acqua pulita. Ma troppo spesso anche queste misure basilari sono fuori dalla portata delle madri e dei neonati che ne hanno più bisogno.

Il tasso di mortalità dei bambini di età compresa tra 1 mese e 5 anni è diminuito notevolmente negli ultimi decenni. Ma i progressi nel ridurre la mortalità dei neonati – di età inferiore a 1 mese – sono stati meno incisivi, perché ancora oggi ne muoiono 7.000 al giorno.

Ciò è in parte dovuto al fatto che le morti neonatali sono difficili da affrontare con un singolo farmaco o intervento, ma richiedono un approccio sistematico. E’ anche dovuto alla mancanza di slancio e di impegno globale per la sopravvivenza neonatale.

Si sta fallendo verso i più giovani e i più vulnerabili del pianeta, e quando sono in gioco così tanti milioni di vite umane, il tempismo è fondamentale.

Come evidenzia il rapporto, il rischio di morte neonatale varia enormemente in base a dove nasce un bambino.

I bambini nati in Giappone hanno le più alte probabilità di sopravvivere, solo 1 neonato su 1.000 muore durante i primi 28 giorni. I bambini nati in Pakistan hanno le aspettative peggiori: ogni 1.000 bambini nati, 46 muoiono prima della fine del loro primo mese – quasi 1 su 20.

La sopravvivenza neonatale è strettamente legata al livello di reddito di un paese. I Paesi ad alto reddito hanno un tasso medio di mortalità neonatale (il numero di decessi per mille nascite) pari a 3.

A confronto, i Paesi a basso reddito hanno un tasso di mortalità neonatale di 27.

Questo divario è emblematico: se ogni Paese riducesse il proprio tasso di mortalità neonatale al tasso medio dei Paesi ad alto reddito, o inferiore, entro il 2030, si potrebbero salvare 16 milioni di vite appena nate.

Tuttavia, il livello di reddito di un Paese è solo uno dei parametri. In Kuwait e negli Stati Uniti d’America, entrambi Paesi ad alto reddito, il tasso di mortalità neonatale è 4. Questo è solo leggermente migliore rispetto ai Paesi a reddito medio-basso come lo Sri Lanka e l’Ucraina, dove il tasso di mortalità neonatale è 5. Il Ruanda, un paese a basso reddito, ha più che dimezzato il proprio tasso di mortalità neonatale negli ultimi decenni, riducendolo da 41 nel 1990 a 17 nel 2016, il che mette il Paese ben al di sopra dei Paesi a reddito medio-alto come la Repubblica Dominicana, dove il tasso di mortalità neonatale è 21.

Ciò dimostra che l’esistenza della volontà politica di investire in sistemi sanitari solidi, che diano la priorità ai neonati e raggiungano i più poveri e i più emarginati, riveste un’importanza fondamentale e può fare la differenza, anche dove le risorse sono limitate.

Inoltre, i tassi di mortalità nazionale spesso nascondono variazioni all’interno dei Paesi: i bambini nati da madri senza istruzione affrontano un rischio di morte durante il periodo neonatale quasi doppio rispetto ai bambini nati da madri con almeno un’istruzione secondaria.

I bambini nati nelle famiglie più povere hanno oltre il 40% di probabilità in più di morire durante il periodo neonatale rispetto a quelli nati nelle famiglie meno povere. Se consideriamo le cause alla radice, questi bambini non muoiono per ragioni mediche come il parto pretermine o la polmonite. Muoiono perché le loro famiglie sono troppo povere o emarginate per accedere alle cure di cui hanno bisogno. Tra tutte le ingiustizie del mondo, questa è probabilmente la più grave.

La buona notizia è che il progresso è possibile, anche quando le risorse sono scarse. I successi registrati in paesi come il Ruanda danno speranza e sono di insegnamento per altri Paesi impegnati a garantire la vita a tutti i bambini.

Nello specifico, dimostrano che ci sono due passi fondamentali da compiere:

– aumentare l’accessibilità all’assistenza sanitaria

– migliorare la qualità di tale assistenza

Bassi livelli di accessibilità ai servizi sanitari materni e neonatali forniti da operatori qualificati sono strettamente correlati ad alti tassi di mortalità neonatale. In Somalia, un paese con uno dei più alti tassi di mortalità neonatale al mondo (39), c’è un solo medico, infermiera o ostetrica per ogni 10.000 abitanti. Nella Repubblica Centrafricana, dove il tasso di mortalità neonatale è 42, ce ne sono solo tre.

In confronto la Norvegia, che ha un tasso di mortalità neonatale di 2, ha 218 operatori sanitari qualificati per ogni 10.000 abitanti. Il Brasile, un Paese a reddito medio-alto con un tasso di mortalità neonatale di 8, ne ha 93.

Migliorare l’accessibilità ai servizi sanitari materni e neonatali è quindi un primo passo necessario per ridurre i tassi di mortalità neonatale.

E comunque, se la qualità dei servizi è scarsa, la semplice presenza di una struttura sanitaria o di un operatore sanitario non è sufficiente per fare la differenza tra la vita e la morte.

Salvare vite umane non è mai semplice e nessun governo o nessuna istituzione, singolarmente, riuscirà a porre fine alle morti neonatali prevenibili. Fornire assistenza sanitaria di qualità a prezzi accessibili per ogni madre e bambino, a partire dai più vulnerabili, richiederà:

– strutture: presidi sanitari puliti e funzionanti dotati di acqua, detergenti ed elettricità disponibili per ogni madre e bambino;

– professionisti: assumere, formare, mantenere e gestire un numero adeguato di medici, infermiere e ostetriche con le conoscenze e le competenze necessarie per salvare vite appena nate;

– strumenti: rendere i 10 farmaci e le attrezzature salvavita più importanti disponibili per ogni madre e bambino;

– emancipazione: riconoscere alle ragazze adolescenti, alle madri e alle famiglie il potere di chiedere e ricevere assistenza di qualità.




permalink | inviato da paoloborrello il 23/2/2018 alle 9:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     gennaio        marzo
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom