.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


12 aprile 2018

I sette peccati capitali dell'economia italiana

Carlo Cottarelli, noto per essere stato commissario alla “spending review”, oltre che per i diversi incarichi svolti nel Fondo monetario internazionale, ha scritto, recentemente, “I sette peccati capitali dell’economia italiana”, editore Feltrinelli.

Cottarelli esamina, con il suo libro, i principali probleia del nostro sistema economico e li definisce appunto i sette peccati capitali.

Questi sette peccati capitali sono l’evasione fiscale, la corruzione, la troppa burocrazia, la lentezza della giustizia, il crollo demografico, il divario tra Nord e Sud, la difficoltà a convivere con l’euro.

Oltre ad analizzare tali problemi, Cottarelli espone soluzioni specifiche ad essi.

Io vorrei soffermarmi sulla parte finale del capitolo contenente alcune considerazioni conclusive, perchè la condivido pienamente, anche perché i suoi contenuti non sono oggetto della necessaria attenzione dalla maggior parte degli economisti.

Così scrive Cottarelli:

“L’ultimo paragrafo del capitolo precedente invoca una trasformazione economica profonda. Perché questo avvenga occorre un’altrettanto profonda trasformazione sociale e culturale.

Molti dei peccati discussi in questo libro riflettono una scarsità di capitale sociale, capitale di cui ogni nazione ha bisogno per non decadere a livello economico e istituzionale.

Noi italiani siamo sempre stati un po’ troppo individualisti: non ci è mai piaciuto rispettare le regole. Il tema del rispetto (o mancanza di rispetto) delle regole è un tema trasversale in questo libro: lo abbiamo visto nel capitolo sulla corruzione, in quello sull’evasione fiscale, e anche in quello sulla difficoltà a convivere con l’euro, un riflesso della difficoltà ad accettare le regole (legali ed economiche) del vivere in un’area a moneta unica.

E’ però paradossale che ci piaccia così tanto scrivere regole, come abbiamo visto nel capitolo sulla burocrazia. Come è paradossale che la nostra cultura trovi le sue radici nella cultura dell’antica Roma, in quel ‘dura lex, sed lex’ su cui era fondato l’ ‘ethos’ della repubblica romana.

Insomma, dobbiamo sfrondare ed eliminare le regole inutili, e parallelamente imparare a rispettare quelle che esistono.

Forse però la tendenza all’individualismo e al mancato  rispetto delle regole si è accentuata negli ultimi decenni.

I valori di solidarietà e di senso civico che, seppure di rado messi in pratica, erano comunque alla base dell’ideologia dei due principali partiti politica della Prima repubblica negli anni cinquanta e sessanta del secolo scorso, e che fornivano una base per costruire un senso delle istituzioni, si sono via via persi per strada.

Occorre recuperare quei valori.

L’importanza dei fattori culturali è spesso minimizzata da noi economisti che vediamo le scelte personali come influenzate quasi soltanto da obiettivi di massimizzazione dell’utilità personale, fondamentalmente identificata nel proprio reddito.

Ho sostenuto anche io nelle pagine precedenti questa tesi: gli incentivi economici sono essenziali nel  determinare il comportamento delle persone.

Ma questo non vuol dire che la cultura, la dotazione di capitale sociale, tutte quelle cose che servono ad ‘internalizzare’ gli effetti del comportamento individuale sul resto della società siano irrilevanti. Altrimenti non si spiegherebbero le forti differenze tra le diverse regioni italiane.

Occorre anche agire rafforzando il capitale sociale, attraverso l’educazione dei nostri figli e nipoti.

L’insegnamento dell’educazione civica fu introdotto nelle scuole medie di primo e secondo grado da Aldo Moro. Oggi la si insegna ancora, sotto l’etichetta di ‘Cittadinanza e costituzione’. In verità c’è dentro un po’ di tutto: l’educazione al rispetto dell’ambiente, elementi di Codice della strada, educazione alla salute e alimentare, e, infine, principi della Costituzione italiana. Il tutto per un’ora alla settimana. Mi sembra un po’ poco.

Occorrerebbe invece che le scuole diventassero la fucina del nuovo spirito civico di cui l’Italia ha bisogno.

Ma prima della scuola viene la famiglia. E’ dalla responsabilizzazione di genitori e parenti che bisogna ripartire. Tutti noi ne siamo coinvolti…”.

Ripeto, io condivido pienamente quanto ho appena riportato, scritto da Cottarelli nell’ultimo capitolo del suo libro.

E soprattutto condivido due considerazioni: la sottolineatura che gli economisti minimizzino i fattori culturali e l’accentuarsi, in Italia, negli ultimi decenni della tendenza all’individualismo e al mancato  rispetto delle regole.




permalink | inviato da paoloborrello il 12/4/2018 alle 10:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo        maggio
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1124133 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom