.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


24 maggio 2018

40 anni di legge sull'aborto: #LiberaDiScegliere

L’associazione Luca Coscioni, in prima linea nella tutela delle libertà civili, a 40 anni dall’approvazione della legge sull’aborto, ha realizzato una serie di video tutorial pensati per fornire a quante più donne possibile una corretta informazione sulle modalità di interruzione volontaria di gravidanza. Per questo la campagna è stata realizzata in 6 lingue: italiano, arabo, francese, spagnolo, inglese e romeno e verrà diffusa da oggi sui canali social dell’associazione tramite l’hashtag #LiberaDiScegliere.

Sono le stesse donne a parlare di aborto alle donne:

“Lo sai che in Italia si può interrompere una gravidanza non desiderata?

Dal 22 maggio 1978, grazie alla legge 194, noi donne possiamo decidere sul nostro corpo.

Entro le prime 7 settimane con una pillola, RU486, ed entro 12 settimane e 6 giorni con un intervento chirurgico.

Dopo, si può fare solo se il medico accerta che la gravidanza può essere un pericolo per la tua vita e la tua salute psicofisica.

Ma se hai un rapporto a rischio e temi una gravidanza puoi ricorrere subito alla contraccezione d’emergenza: in farmacia se sei maggiorenne puoi avere la pillola del giorno dopo e la pillola dei 5 giorni dopo senza prescrizione del medico.

Che invece serve solo se hai meno di 18 anni. E non può rifiutarsi di fartela. E il farmacista non può rifiutarsi di servirti.

La legge riconosce l’obiezione di coscienza solo per l’interruzione di gravidanza. E purtroppo, a 40 anni dalla legge, 7 medici su 10 sono obiettori. Ma tu non farti intimidire.

Interrompere una gravidanza è un tuo diritto!

Tante donne hanno lottato perché tu potessi scegliere.

Il corpo è tuo. La scelta è tua.”

Un approccio onnicomprensivo rivolto ad una società multietnica, in risposta anche alle evidenze emerse nell’ultima relazione al Parlamento, in cui il ministro della Salute sottolinea che un terzo delle interruzione volontarie di gravidanza totali in Italia continua ad essere a carico delle donne straniere, le quali fanno registrare un tasso di abortività maggiore delle italiane relativamente a tutte le classi di età (quella di 20-24 anni per le straniere rimane la più colpita, con un tasso 3.5 volte superiore a quello delle italiane; mentre per le italiane i tassi più alti si osservano tra i 25 e i 29 anni).

“Nonostante la relazione evidenzi in generale una “diminuzione” del ricorso all’Ivg, è fondamentale tenere bene a mente – in un paese in cui 7 ginecologi su 10 sono obiettori e che dunque rendono difficile l’accesso in sicurezza all’IVG – l’esistenza di un numero ‘sommerso’ di donne che si affidano al web o ad altri canali per cercare pratiche di aborto clandestino” – ha dichiarato Filomena Gallo, avvocato, segretario dell’associazione Luca Coscioni.

“Per una corretta applicazione della legge – ha proseguito Gallo – occorre garantire la non interruzione del servizio di Ivg e favorire l’utilizzo del metodo farmacologico ove possibile al posto dell’intervento chirurgico, privilegiando il ricovero in regime di Day Hospital o l’ambito  ambulatoriale.

Questo consentirebbe di risparmiare risorse da investire in consultori, contraccezione e nella promozione di una corretta informazione per tutti. Il nostro appello al ministro della Salute vuole garantire la salute riproduttiva delle donne, una corretta informazione e la difesa di diritti fondamentali”.

“Per un medico che deve interrompere una gravidanza, garantire la salute della donna significa poter operare secondo le regole della buona pratica clinica, sia rispetto alla scelta del metodo che riguardo l’accessibilità ai servizi di Ivg – ha rilevato Mirella Parachini, ginecologa e membro della direzione dell’associazione Luca Coscioni -.

E’ inoltre fondamentale regolamentare l’obiezione di coscienza al fine di garantire i diritti delle donne che chiedono di accedere all’Ivg e anche dei pochi medici che non sono obiettori di coscienza.

Il Consiglio di Europa ha già condannato due volte l’Italia per le condizioni in cui si applica la 194”.




permalink | inviato da paoloborrello il 24/5/2018 alle 7:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     aprile        giugno
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1170791 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom