.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


12 giugno 2018

Gig economy, un milione di italiano fanno dei "lavoretti"

Circa un milione di italiani lavora per le piattaforme internet che offrono collaborazioni occasionali e di questi i rider, coloro che si occupano di consegne a domicilio (pasti e non solo) corrispondono al 10% del totale. Mentre sono tra 150 e 200.000 le persone che ne dispongono come unica fonte di reddito. E’ la prima fotografia approfondita della gig economy del nostro Paese, di coloro che si affidano a piattaforme internet che incrociano domanda e offerta di lavoro: vengono gestiti spesso da un algoritmo e il rapporto con chi paga dura solo per la singola prestazione e si rinnova ogni volta. 

Il giudizio su  queste nuove forme di lavoro non è univoco: secondo i più critici, una nuova forma di cottimo se non di sfruttamento, per altri sono soltanto nuove forme di lavoro introdotte dalle nuove tecnologie e dalla rivoluzione informatica che saranno sempre più diffuse e che pertanto hanno bisogno di una legislazione apposita e non si può, come vorrebbero alcuni, considerarlo in ogni caso lavoro dipendente.

Questi dati sono stati resi noti al festival dell’economia di Trento, nel corso del quale sono stati anticipati i primi risultati dello studio curato dalla fondazione Rodolfo Debenedetti, appunto sulla gig economy in Italia, che sarà presentato nella sua completezza il prossimo 4 luglio.

Lo studio in questione non mancherà di sollevare polemiche.

Uno dei dati, ad esempio, rivela che il 45% dei lavoratori si dice soddisfatto o abbastanza soddisfatto del lavoro svolto in questo modo e il 50% si dice favorevole a farlo con le regole che vengono proposte da chi commissiona la prestazione.

Più precisamente, secondi i due ricercatori Paolo Natacchioni e Saverio Bombelli, estensori dello studio, i “gig workers” sono tra i 700.000 e un milione di italiani, con una forchetta tra l’1,8 e il 2,6% della popolazione.

Per una quota compresa tra 150 e 200.00 persone i “lavoretti” come vengono definiti sono l’unica fonte di reddito, mentre per tutti gli altri si tratta di occupazioni occasionali che vengono aggiunte all’impiego vero e proprio, sia da chi ha contratti da dipendente, sia da chi è un autonomo o partita Iva.

Come anticipato, i riders non sono più del 10% del totale: la stragrande maggioranza della gig economy è coperta da chi lavora da casa o comunque da remoto per servizi “clouding”, in pratica da chi elabora on line dati, gestisce piattaforme internet o svolge traduzioni.

Ecco spiegato perchè la meta dei gig workers è donna. Non così tra i riders, dove la componente femminile si ferma al 10%.

Altri dati faranno discutere: il 70% dei lavoratori occasionali ha un livello di istruzione superiore, dal diploma di liceo al master e solo il 3% è immigrato.

Il guadagno medio lordo è di 12 euro l’ora e solo il 34% dichiara di conoscere i diritti legati al contratto di lavoro che hanno accettato e le forme di tutela annesse.

Al momento prevale l’aspetto occasionale del lavoro, visto che il 50% dei gig workers vi si dedica non più di 1-4 ore a settimana, mentre il 20% tra 5 e 9 ore. Anche se una persona su due sostiene che vorrebbe lavorare di più.

Come migliorare la situazione di tali lavoratori?

Il giurista Pietro Ichino ha, a questo proposito, dichiarato: “Se vogliamo mettere a fuoco e risolvere il problema occorre superare la distinzione tradizionale tra lavoro subordinato e lavoro autonomo e dettare delle discipline specifiche per il lavoro organizzato attraverso la piattaforma digitale.

Per esempio prevedere che il titolare della piattaforma debba interfacciarsi con l’Inps e pagare le retribuzioni rispettando un minimo retributivo e una contribuzione minima essenziale in campo contributivo e antinfortunistico” .




permalink | inviato da paoloborrello il 12/6/2018 alle 8:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     maggio        luglio
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1094638 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom