.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


26 giugno 2018

Invecchiamo di più ma invecchiamo peggio

Non è certo una novità ma non si può non rilevarlo ancora una volta, il processo di invecchiamento della popolazione italiana è particolarmente consistente. L’Italia è il Paese più anziano di Europa, con l’età media più alta, ma non si sta attrezzando adeguatamente a questa situazione. Lo dimostrano i risultati di un rapporto realizzato dall’Isimm ricerche. 

L’Italia è uno dei Paesi europei in cui si vive più a lungo: chi ha 65 anni oggi può aspettarsi di vivere ancora 20,4 anni (solamente la Svizzera, la Spagna e la Francia sono contraddistinte da un’aspettativa di vita maggiore).

Se si esamina però la speranza di vita in buona salute a 65 anni, definita da Eurostat come gli anni di vita che ci si aspetta di vivere senza limitazioni delle funzioni o disabilità, il nostro Paese si posiziona al quintultimo posto in Europa e peggio di noi fanno solo Slovacchia, Lettonia, Estonia, Ungheria e Portogallo (in Italia tale speranza di vita è pari a 7,7 anni mentre in Svezia – prima in classifica – è pari a 16,3).

Per questo motivo si può legittimamente sostenere che noi italiani invecchiamo di più ma invecchiamo peggio.

Ad esempio il numero ideale di posti-letto in residenze sanitario-assistenziali è pari a 50-60 ogni 1.000 abitanti over 60 (la media Ocse è pari a 49,7) ma il dato italiano si ferma a 19,2, e solamente Turchia, Lettonia e Polonia stanno peggio di noi.

Nel rapporto si rileva che “si tratta di un dato preoccupante, un segnale che indica in modo evidente il ritardo che caratterizza il nostro Paese rispetto al resto d’Europa”.

E molto forti sono i divari regionali.

Se l’Umbria vanta infatti appena 3,5 posti letto, seguita da Campania (5) e Calabria (5,4), in Piemonte si sale a 40,9, poco sotto la media Ocse. E la presenza di strutture di assistenza è particolarmente carente proprio nelle regioni del Sud, dove maggiore è l’invecchiamento.

Di chi è la proprietà delle 12.000 strutture residenziali italiane?

Il 2% sono pubbliche, mentre la quota restante è di privati accreditati con il sistema sanitario nazionale (il 36% sono privati non profit, il 22% privati profit e il 15% enti religiosi).

I posti letto in quelle strutture sono sì aumentati, dal 2005 e al 2015, del 3,3%, ma tale crescita non è risultata essere al passo con l’incremento della domanda di assistenza.

In questo contesto un’importante risposta che le famiglie hanno fornito alla crescente domanda di assistenza è stata rappresentata dall’affidarsi alle badanti, aumentate del 50% negli ultimi 5 anni. In media però la spesa si attesta, in questo caso, a 920 euro al mese, per un totale di 9 miliardi per 1,5 milioni di anziani. Una soluzione quindi che può permettersi solo una parte delle famiglie italiane.

In un’intervista, Enzo Costa, presidente di Auser, un’associazione impegnata a promuovere l’invecchiamento attivo, anche considerando i dati contenuti nel rapporto citato, ha sostenuto che l’Italia è decisamente in ritardo quanto a politiche pubbliche volte a fronteggiare il processo di invecchiamento della popolazione.

Secondo Costa, oltre a dotare il nostro Paese di un maggior numero di posti letto in strutture residenziali, le priorità che dovrebbero contraddistinguere le politiche pubbliche sono diverse.

Innanzitutto devono essere realizzati  dei migliori servizi domiciliari, in quanto oggi solo il 42% dei Comuni garantisce l’assistenza domiciliare integrata.

Poi potrebbero essere previsti degli incentivi che favoriscano la costruzione di ascensori: solo il 24% delle abitazioni in cui vivono gli anziani hanno un ascensore e questo significa per molti non poter uscire di casa.

Inoltre dovrebbero essere attuati adeguati interventi di natura urbanistica. Infatti, ad esempio, se spariscono dai quartieri i negozi spariscono anche dei luoghi di socialità importanti per gli anziani.




permalink | inviato da paoloborrello il 26/6/2018 alle 8:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     maggio        luglio
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom