.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


7 gennaio 2019

Quarant'anni di spending review

Nel libro di Mario Baldassarri e Dino Pesole, edito da Rubettino, dal titolo “Quaranta anni di spending review: l’Italia al bivio sui tagli di spesa, galleggiare o cambiare sul serio”, inserito nel dodicesimo rapporto del Centro Studi Economia Reale, si analizzano soprattutto i tentativi che da alcuni decenni sono stati realizzati in Italia per affrontare il problema della riqualificazione della spesa pubblica. 

Tali tentativi, volti a rendere effettiva e strutturale una vera e incisiva spending review, non hanno prodotto i risultati sperati.

Perché non si sono verificati quei risultati?

Perché tagliare la spesa costa in termini di consenso. Il problema è dunque tutto politico, perché non manca certo l’apparato di studi, analisi, proposte. Ma i tecnici possono proporre, poi spetta alla politica e dunque a governo e Parlamento assumersi l’onere di decidere.

Parte da questa premessa il libro di Baldassarri e Pesole.

Le stime più recenti – si legge nel testo – indicano in 848 miliardi il totale di spesa pubblica nel 2018, che aumenterà nel 2019 a 863 miliardi nel profilo tendenziale e a 880 miliardi in quello programmatico, inclusa dunque la manovra di bilancio 2019.

Un enorme volume di risorse su cui si può e si deve intervenire.

Nel libro si mostra, inoltre, che non è vero che si fa più sviluppo e crescita in deficit.

Dal secondo dopoguerra fino al 1971 il bilancio pubblico italiano presentava un pareggio o un avanzo di parte corrente. Il che vuol dire che nella parte corrente creava risparmio.

Quindi i deficit e il conseguente debito pubblico accumulato fino al 1971 erano da attribuire alla sola spesa per investimenti. E non del tutto, perché una parte degli investimenti erano autofinanziati dall’avanzo di parte corrente.

Quindi nei primi venti anni circa della Repubblica si è assistito a una politica virtuosa dal punto di vista della finanza pubblica, non soltanto in termini di spesa, tasse e deficit, ma soprattutto di “composizione” del bilancio.

Tutto cambiò bruscamente a partire dal 1971, quando iniziò a formarsi il disavanzo di parte corrente che si sommò agli investimenti e determinò deficit totali crescenti. Da quel momento in poi, in assenza di veri e propri exploit nella dinamica degli investimenti pubblici, quella che è andata fuori controllo è stata la spesa corrente.

Negli anni Ottanta, venuto meno l’ombrello del finanziamento monetario del disavanzo, il debito pubblico aumentò in modo esponenziale.

Eppure già a partire dalla seconda metà degli anni Settanta, Beniamino Andreatta attraverso l’ Arel, iniziò il suo deciso e lungimirante impegno soprattutto su due fronti: la necessità di capire lo zero base budgeting e l’istituzionalizzazione del controllo della spesa pubblica con un’autorità indipendente che riferisse direttamente al Parlamento sulla base dell’esperienza del congressional budget office americano.

Nominato nel 1981 ministro del Tesoro Andreatta introdusse, insieme al governatore Carlo Azeglio Ciampi, il divorzio tra Tesoro e Banca d’Italia ed istituì la commissione tecnica sulla spesa pubblica.

Nel corso degli anni Ottanta tale commissione produsse numerosi e voluminosi studi di puntuale ed enorme interesse per valutare gli andamenti della spesa e individuare le sacche di inefficienza, spreco e malversazione.

Sul finire del decennio apparve però evidente che la commissione tecnica non poteva restare un semplice “ufficio studi” e avrebbe dovuto essere trasformata in un’Autorità indipendente sulla spesa pubblica che rispondesse direttamente al Parlamento.

Non se ne fece nulla.

Soltanto nel 2014 è stato costituito l’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb) con un’architettura istituzionale non del tutto corrispondente a quel disegno originale.

Poi si “salta” al ministro Padoa-Schioppa che, nel governo Prodi 2006- 2008, provò a reintrodurre una forma di spending review seguita, negli anni più recenti, dalla stagione dei “commissari alla spesa pubblica”.

In tutti questi anni la spesa pubblica corrente aumentò sempre, le entrate ne seguirono affannosamente il percorso e gli investimenti pubblici furono dimezzati dopo il picco raggiunto nel 2008.

Il debito pubblico crebbe sempre e si colloca oggi oltre il 130% del Pil.

Ecco perché si dice “l’Italia al bivio sui tagli di spesa”.

La domanda è: la manovra appena presentata in Parlamento affronta questi nodi? La risposta degli autori che è ben difficile ipotizzare che i microcambiamenti contenuti nella manovra del governo determinino un innalzamento consistente nei tassi di crescita reale.

La domanda è se valga la pena di fare una manovra che ricorrendo per gran parte al maggior deficit per finanziare spesa corrente determina un profilo finanziario del Paese oggettivamente fragile e rischioso.

La proposta di spending review contenuta nel volume punta a concentrarsi su due specifiche voci di spesa, i cosiddetti fondi perduti, che valgono 61 miliardi, e gli acquisti di beni e servizi, inclusi i cosiddetti consumi intermedi, contabilizzati per 135 miliardi.

Si potrebbero ricavare risorse ingenti, cui potrebbe aggiungersi un serio lavoro di selezione delle cosiddette tax expenditures, così da convogliare le relative risorse a una vera riforma dell’Irpef.

L’invito degli autori è in sintesi a “rovesciare” il ragionamento partendo “prima” da dove prendere le risorse e “poi” indicare dove andarle a collocare.




permalink | inviato da paoloborrello il 7/1/2019 alle 8:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre       
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1140153 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom