.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


19 aprile 2019

Mozambico, i bambini a un mese dal ciclone

A un mese dalle devastazioni che il ciclone Idai si è lasciato dietro in Mozambico, colpendo circa un milione di minori, i bambini continuano a subìre gravi traumi psicologici sulla propria pelle  e in molti sono costretti a vivere in tende, scuole o insediamenti temporanei, con accesso limitato all’acqua pulita o ai servizi igienici.

Questo l’allarme di Save the Children, che sottolinea, in un comunicato, la necessità di intervenire con urgenza per garantire ai minori il supporto di cui hanno bisogno, in un momento in cui si assiste a un calo di attenzione da parte del mondo per questa crisi umanitaria

Gli operatori dell’organizzazione hanno raccolto le testimonianze dei bambini e delle loro famiglie  in uno dei campi temporanei allestiti nella città portuale di Beira. Ai minori è stato chiesto di disegnare le loro case prima e dopo il passaggio del ciclone e di descrivere cosa hanno visto.

Tutti raccontano di aver perso la casa e tutto ciò che possedevano e molti hanno visto persone uccise o gravemente ferite dagli effetti del ciclone.

I genitori parlano di bambini che non si staccano neanche un attimo da loro o che sono diventati aggressivi dopo quello che hanno vissuto.

Ines, 11 anni, è rimasta separata dai suoi due fratelli e da suo padre quando il ciclone Idai si è abbattuto su Buzi, una delle zone più colpite del Mozambico. Suo padre è stato ferito alla schiena e al collo durante il crollo della loro abitazione, e lei ha perso di vista i suoi fratelli da quando è stata salvata dai soccorritori. Da allora non li ha più visti.

Ines ha disegnato un quadro con persone annegate nelle acque in piena, circondate da alberi divelti. “Se le persone non si fossero tenute per mano le une con le altre, sarebbero cadute nell’acqua. Io stavo per scivolare in una laguna, poi mia zia mi ha afferrato. Mi sono aggrappata alla sua borsa. Siamo andate a casa di un altro vicino. Quando siamo arrivate lì, sono caduta. E poi ho iniziato a chiedere aiuto a gran voce”, è la sua testimonianza.

Faizal, 10 anni, ha disegnato la sua casa prima del passaggio del ciclone: un luogo caldo e colorato dove viveva con la sua famiglia. Il disegno della casa dopo il ciclone si è invece trasformato in un quadro cupo e sbiadito con una persona decapitata da un pezzo di ferro.

“I bambini non sono più gli stessi di prima. Sono aggressivi e continuano a chiedere quando tutto tornerà alla normalità. Per loro è come una guerra. Mia figlia ha iniziato a bagnare il letto molto più di quanto facesse prima”, ha raccontato Regina, 29 anni, madre di Belinha di 6.

Il ciclone Idai è arrivato a Beira il 14 marzo, distruggendo case, scuole, magazzini e coltivazioni lungo il suo percorso, devastando la vita quotidiana dei bambini, vittime di gravi traumi psicologici come enuresi notturna, ansia e incubi.

“Siamo estremamente preoccupati per le condizioni a lungo termine dei bambini. Vedere tutto ciò che ami distrutto in un batter d’occhio è un’esperienza orribile che nessun bambino dovrebbe vivere e le cui conseguenze, purtroppo, saranno avvertite ancora per molto tempo dopo la ritirata delle acque – ha spiegato Maria Waade, operatrice di Save the Children  in Mozambico, specializzata in supporto psicosociale e salute mentale -.

Molti bambini con i quali abbiamo parlato hanno visto i genitori o fratelli spazzati via dalle inondazioni o le proprie case crollare intorno a loro. Una bambina che abbiamo incontrato ha visto sua madre per l’ultima volta mentre lei la spingeva su un tetto nel tentativo di salvarla. Sua madre non ce l’ha fatta.

Queste storie sono spaventosamente frequenti e dimostrano che oltre a ricostruire case e mezzi di sostentamento, dobbiamo anche concentrarci sull’assicurare che i minori e le loro famiglie ricevano il supporto psicologico di cui hanno bisogno per riprendersi da queste esperienze”.

“Le vite dei bambini vittime del ciclone sono state letteralmente fatte a pezzi e ora hanno bisogno che il mondo non si giri dall’altra parte e che continui a mobilitarsi per loro. I bambini e le loro famiglie hanno bisogno di cibo, che le case e le scuole vengano ricostruite e del necessario supporto a lungo termine perché possano superare quanto hanno dovuto attraversare”, ha affermato Machiel Pouw, responsabile dell’intervento di Save the Children in Mozambico.




permalink | inviato da paoloborrello il 19/4/2019 alle 7:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo        maggio
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom