.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


7 febbraio 2020

I giovani rassegnati per il loro futuro

“Un buco nero nella forza lavoro”, una ricerca promossa dal Laboratorio Futuro dell’istituto Toniolo e curata da Alessandro Rosina e Mirko Altimari dell’Università Cattolica, fornisce un’approfondita analisi del futuro lavorativo dei giovani italiani, esaminando soprattutto gli effetti della congiunzione negativa di riduzione demografica e deboli percorsi professionali. 

Particolarmente interessante mi è sembrata la parte dello studio riguardante l’atteggiamento verso il futuro lavorativo manifestato dai giovani, componenti il campione utilizzato, che sono stati intervistati da chi ha curato la ricerca.

E’ stata riscontrata una rassegnazione crescente.

Particolarmente marcato è l’effetto del titolo di studio.

Chi teme di doversi rassegnare a trovarsi al centro della vita adulta senza lavoro è tre volte tanto tra chi ha titolo di studio basso rispetto ai laureati.

Questo divario è ancor più preoccupante se si pensa che il tasso di laureati in Italia è tra i più bassi in Europa e crescente è il saldo netto dei giovani più qualificati verso l’estero.

Più contenute, pur sensibili, appaiono le differenze di genere (si passa dal 23,3% dei maschi al 27,7 delle donne).

Anche le aspettative legate alla qualità del lavoro sono fortemente legate all’età e al titolo di studio.

Quelli che pensano di trovarsi realizzati nell’attività che faranno sono oltre il 40% dei laureati e oltre il 45% di chi ha poco più di vent’anni (generazione Z).

Si precipita a valori dimezzati tra chi ha titolo basso e tra chi ha attorno i 30 anni (millennials).

L’Italia, quindi, non solo si trova con meno giovani, ma anche con rassegnazione crescente con l’età della possibilità di trovare un impiego e vedersi adeguatamente valorizzati.

Inoltre, la grande maggioranza dei giovani intervistati, in questo caso senza rilevanti distinzioni di età e di genere, considera in ogni caso un limite per l’idea di sé e i progetti di piena realizzazione personale il trovarsi a 45 anni senza un lavoro.

Che non vi siano distinzione di genere e generazionali è un segnale positivo dell’importanza, al di là dei timori e delle difficoltà, di sentirsi parte attiva nella costruzione del proprio futuro e dei processi di crescita del proprio Paese.

Preoccupa, però, d’altro canto, che oltre un giovane su cinque sia così rassegnato da togliere valore (anche come meccanismo psicologico di autodifesa) al sentirsi e considerarsi soggetto attivo e proiettato positivamente e con impegno verso il futuro.

Un dato che sale a uno su tre tra chi ha titolo di studio basso.

In definitiva, la voglia di realizzarsi nel lavoro è simile tra ragazzi e ragazze e nelle varie classi di età, ma più ci si avvicina ai trent’anni e per le donne scende la convinzione di riuscirci davvero (per gli ostacoli e le difficoltà sperimentate).

E’ il ritratto di una generazione non incoraggiata a formarsi al meglio, a compiere in modo efficace la transizione scuola-lavoro attraverso esperienze positive di crescita, a orientarsi nel mondo del lavoro che cambia, a trovare valorizzazione nel sistema produttivo.

Una generazione che alla debolezza quantitativa (per il minor peso demografico) rischia di sommare – spostandosi ad occupare progressivamente il centro della vita attiva del paese – fragilità qualitative (sia in termini di formazione che di incertezza del percorso professionale).

“Questi dati – osserva il professor Alessandro Rosina, coordinatore scientifico dell’osservatorio giovani dell’Istituto Toniolo – mostrano come non si tratti meramente di quantificare quante persone in meno avremo come forza lavoro nei prossimi dieci anni, ma di capire quali scelte mettere in atto per rafforzare la presenza qualificata nel mercato del lavoro (e nel sistema produttivo), a partire dalle potenzialità, dalle fragilità e dalle aspettative delle generazioni che si avvicendano, in coerenza con le grandi trasformazioni in atto e le specificità del paese.

Senza risposte solide e convincenti in grado di riqualificare il contributo delle nuove generazioni ai processi di crescita, l’opzione del declino è destinata a rimanere per l’Italia senza credibili alternative”.




permalink | inviato da paoloborrello il 7/2/2020 alle 8:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     gennaio        marzo
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom