.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


3 luglio 2020

25 anni dalla morte di Alexander Langer

Oggi 3 luglio sono 25 anni dalla morte di Alexander Langer, un politico, se così lo si può definire, comunque “sui generis”, il fondatore del movimento ecologista in Italia, la cui mancanza si avverte ancora moltissimo. Tra gli altri lo ha ricordato Reinhold Messner.

Langer il 3 luglio 1995 si tolse la vita in un oliveto nei pressi di Firenze.

Così si è espresso Messner: “Più che mai manca la voce di Alex Langer, anche ora durante le proteste negli Usa servirebbero le sue parole chiare. Sono immensi i meriti di Alex per le minoranze, l’ecologia e il sociale. Credeva nel dialogo ed era pragmatico. Ha infatti poco in comune con Greta Thunberg, che usa parole troppo dure. Sono convinto che se non ci fosse stato Langer, l’Alto Adige oggi non avrebbe un governatore come Arno Kompatscher, che ha addotto alcune posizioni langheriane, fino a poco tempo fa inimmaginabili per un esponente Svp”.

Per ricordarlo riporto integralmente l’editoriale di Giorgio Mezzalira comparso oggi su “Il Corriere dell’Alto Adige”.

“Alexander Langer è una figura di intellettuale e politico che appartiene alla storia della nostra regione e a pieno diritto a quella europea della seconda metà del novecento.

E non solo perché è stato parlamentare in Europa, eletto nelle liste dei Verdi a partire dal 1989 fino alla sua prematura morte.

A 25 anni dalla sua scomparsa, l’eredità del suo pensiero non è per nulla sfumata e il suo modo di concepire l’impegno politico, lontano dai dogmatismi, dalla fascinazione e dall’esercizio del potere, è un riferimento cui soprattutto i giovani possono guardare.

Si definiva ‘facitore di pace’, a sottolineare l’importanza di contribuire concretamente a prevenire e ricomporre le fratture nelle zone di conflitto, piuttosto che rischiare di rimanere prigionieri di una pace astratta e di un pacifismo privo di strumenti per raggiungere i suoi obiettivi.

Lo sosteneva in questa sua convinzione l’esperienza del ‘gruppo misto’, piccolo laboratorio di dialogo e convivenza avviato in Sudtirolo negli anni Sessanta, dove Langer con un piccolo gruppo di amici italiani e tedeschi condividevano l’esercizio dell’ascoltare l’altro, impararne la lingua, comprenderne la cultura, mettere a confronto le proprie storie.

Da queste prove di contatto e di scambio ha preso forma un modello culturale interetnico che si presta oggi come importante strumento di pacificazione e ricomposizione dei conflitti. Nella consapevolezza che aprire la strada al dialogo e alla convivenza non è né facile né lineare, ma rappresenta l’unica alternativa alla contrapposizione etnica o nazionalistica.

Nel suo Sudtirolo, lo sappiamo, tale modello non ha prevalso, non si è imposto, ma le esperienze che ha generato e le idee che ha messo in circolazione hanno fatto crescere gli anticorpi contro le possibili derive etnocentriche della nostra società. A chi è stato definito, a torto, ‘nemico dell’autonomia’ questo almeno gli dovrebbe essere riconosciuto.

Langer è stato un uomo di confine se con questo vogliamo indicare colui che ne sa interpretare al meglio la ricchezza e la complessità, colui che sa aprirsi al mondo senza mai dimenticare da dove viene.

La sua stessa biografia è un rimando continuo all’intreccio tra origini e provenienze culturali, linguistiche, religiose diverse. Lo si potrebbe definire il paradigma positivo di cosa possa voler dire nascere e vivere al confine tra due mondi, sia che si tratti di mondi che hanno a che fare con lingue e culture diverse, sia che si tratti di mondi che incrociano sponde apparentemente lontane come etica e politica, utopia e concretezza.

Langer è stato un uomo del dialogo, che ha saputo credibilmente proporsi quale saltatore di muri e costruttore di ponti, come amava definirsi.

Non ci si inventa una simile attitudine, se non si viene riconosciuti capaci di farlo.

Si è fatto portatore di una visione di ‘futuro amico’, di riconciliazione con la natura e di una prospettiva di pace tra gli uomini, tutto ciò calato dentro un impegno quotidiano profuso senza risparmio di energie per costruire le basi per una conversione ecologica, termine a lui caro, che impegnasse ognuno di noi, singolarmente, a essere protagonista di un cambiamento di fronte a modelli di sviluppo non più sostenibili per l’uomo e l’ambiente.

La sua riflessione su questi temi è oggi termine di confronto sia rispetto all’allarme ambientale sia alle nuove sensibilità emergenti, ai molti giovani che vedono ipotecato il loro futuro e chiedono ai grandi della terra una svolta a favore della salvaguardia del pianeta.

Dentro a un mondo attraversato da imponenti flussi migratori, altrettanto attuale resta la sfida della convivenza e dell’integrazione di cui Langer è stato interprete e ‘facitore’, una lezione buona per noi che nel frattempo siamo diventati tutti uomini di confine”.




permalink | inviato da paoloborrello il 3/7/2020 alle 12:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     giugno       
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1357988 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom