.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


12 novembre 2020

Chi è Kamala Harris

Il nuovo presidente degli Stati Uniti sarà ovviamente Joe Biden. Ma senza dubbio svolgerà un ruolo molto importante, come vice presidente, Kamala Harris, il cui contributo peraltro è stato fondamentale per la vittoria di Biden.

Ma chi è Kamala Harris?

Alcune note biografiche, riprese dal sito www.wired.it, possono risultare utili, a tale proposito.

La prima vice presidente donna degli Stati Uniti “è figlia di madre Indiana e di padre jamaicano, due Paesi all’epoca poverissimi, molto diversi da come li conosciamo adesso. Si incontrano e si innamorano a Berkeley, in California, all’inizio degli anni Sessanta, ed è lì che nasce Harris.

Dopo la separazione dei genitori, sua madre porta lei e la sorella in Canada e le cresce da sola lavorando come ricercatrice sul cancro al seno.

Harris è figlia di una scienziata, una mamma sola: lo ricorda spesso nei suoi discorsi e nelle sue interviste, è forse il dato della sua straordinaria biografia che lascerà una traccia nell’immaginario comune.

Dopo essere tornata in America e aver conseguito due lauree, Harris si lega a Willie Harris, portavoce della California Assembly, di trent’anni più grande di lei. A distanza di anni, ancora oggi, Harris viene accusata di aver fatto carriera per essere ‘andata al letto con il capo’, un’accusa cavalcata anche durante questa campagna elettorale dai sostenitori di Trump.

Harris diventa la prima donna - e la prima non bianca - a diventare vice procuratrice in uno Stato, la California, che negli anni Novanta era segnato tra gli scontri tra la comunità afroamericana e la polizia.

Questo ruolo ha portato molti a sostenere che Harris fosse di destra, durante le primarie e non solo, e molti analisti hanno visto la scelta di Biden come una scelta conservatrice.

Ma se siete arrivati a questo punto, avrete capito che c’è poco di conservatore in una persona come Kamala Harris.

Da procuratrice distrettuale, i suoi sforzi si sono concentrati sul contenimento della dispersione scolastica: dopo aver accertato che il tasso di criminalità era più alto nelle zone dove l’abbandono scolastico era più alto, Harris è intervenuta con decisione per arginare questo fenomeno riuscendo a portare a casa risultati molto importanti.

Nel 2016 diventa senatrice e molto popolare durante le audizioni per la conferma di Brett Kavanaugh alla Corte Suprema.

Il nome di Harris inizia a circolare tra i possibili candidati alla Casa Bianca, fino alla discesa in campo.

Dopo i primi risultati non proprio confortanti, la raccolta fondi per Harris frena e lei è costretta a ritirarsi dalla corsa.

C’è un video in cui una giornalista lo comunica a Joe Biden e il futuro presidente degli Stati Uniti sembra sinceramente dispiaciuto: Kamala Harris conosceva bene Beau Biden, il figlio di Joe deceduto nel 2015 a causa di un tumore, anch’egli procuratore.

In un film della sua vita si potrebbe andare avanti veloce e arrivare a un altro video, quello in cui Biden chiama Harris per comunicarle il risultato finale delle elezioni: lei corre in parco del Delaware circondata dalla scorta, è spettinata e radiosa, una bellissima signora di mezza età che corre in una soleggiata giornata d’inverno.

La vita di Harris è stata una corsa per diventare prima, un percorso talmente carico di significati che sarebbe persino superfluo stare a elencarli.

Bella e secchiona, madre e avvocata, accondiscendente e pop, Kamala Harris ha fatto tutto quello che ha voluto e lo ha fatto per prima: è stata elitaria, snob e ‘mainstream’, ha riempito vuoti, ha creato immaginari.

Harris è stata quello che Biden non poteva essere, e forse anche quello che non sapevamo di volere. 

E poco male se la carica di presidente ha il nome di un uomo, se il tetto di vetro non è ancora stato sfondato: il futuro è delle donne. 

Il futuro è di Kamala Harris e di Stacey Abrams, anche lei nella rosa delle papabili vicepresidenti sottoposte a Biden: Abrams ha fatto registrare al voto in Georgia 800.000 persone, che hanno permesso ai democratici di vincere lo stato per la prima volta dopo quasi trent’anni, un impresa che non era riuscita nemmeno a Barack Obama.

Per il suo primo discorso da ‘vice president-elect’ a Wilmington, North Carolina, Kamala Harris ha scelto di indossare il bianco, il colore simbolo della lotta per il diritto al voto delle suffragette.

Il suffragio universale venne introdotto negli Stati Uniti nel 1920, ma solo 45 anni dopo vennero eliminate quelle regole federali che tenevano le donne nere lontano dalle urne, come i test di alfabetizzazione e le tasse sul voto.

La notte del 7 novembre 2020 Kamala Harris è diventata la prima vicepresidente donna degli Stati Uniti, e rivolgendosi ai figli e alle figlie della nazione ha detto loro una frase breve e storica: ‘Sono la prima, ma non sarò l’ultima’”.




permalink | inviato da paoloborrello il 12/11/2020 alle 10:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     ottobre       
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1396462 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom