.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


18 febbraio 2021

Zachi e Regeni, prima gli interessi economici e poi i diritti umani

E’ passato un anno dall’inizio della carcerazione di Patrick Zacki. Le autorità egiziane continuano a non collaborare per l’individuazione degli assassini di Giulio Regeni. E questo anche perché le pressioni esercitate sull’Egitto dal governo italiano sono state del tutto insufficienti.

Non stupisce tale situazione.

Infatti per le autorità di governo italiane, come per quelle di molti altri Paesi, vengono prima gli interessi economici e poi la tutela dei diritti umani.

L’unico modo, credo, per ottenere dei risultati concreti nelle vicende che riguardano Zacki e Regeni sarebbe l’attuazione di sanzioni economiche nei confronti dell’Egitto.

Il condizionale è d’obbligo, infatti, molto spesso, nel mondo, prima della tutela dei diritti umani viene la tutela degli interessi economici.

Io capisco che adottare sanzioni economiche nei confronti dei Paesi che calpestano i diritti umani non è facile.

Le ripercussioni negative sulle imprese dei Paesi che adottassero sanzioni economiche sono evidenti. Molti posti di lavoro sarebbero a rischio.

Ma di fronte a palesi e pesanti violazioni dei diritti umani non si può far finta di niente e limitarsi a dichiarazioni o ad appelli.

E, ripeto, il problema non riguarda solamente l’Italia, tutt’altro.

Un esempio è sufficiente, il caso di Aleksej Navalny.

Dopo la recente condanna di Navalny da parte delle autorità russe, molti Paesi europei hanno protestato vivacemente.

L’alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera, Josep Borrell, si è recato a Mosca per chiedere la scarcerazione di Navalny. La scarcerazione non è avvenuta, mentre alcuni diplomatici europei sono stati espulsi.

Ma Germania e Francia non sembrano intenzionate di applicare nuove sanzioni economiche nei confronti della Russia. La Germania, ad esempio, non vuole interrompere la costruzione del gasdotto Nord Stream 2 che la collega con la Russia.

Sarebbe pertanto necessario che i governi che sostengono l’importanza della tutela dei diritti umani si attivassero concretamente, non solo a parole, appunto anche con sanzioni economiche, nei confronti dei Paesi che si rendono colpevoli di inaccettabili violazioni di quei diritti.




permalink | inviato da paoloborrello il 18/2/2021 alle 10:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     gennaio        marzo
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1434616 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom