.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


30 agosto 2019

Allarme morbillo anche in Europa

L’Oms, l’organizzazione mondiale per la sanità, ha reso noti nuovi dati circa la diffusione del morbillo, relativi ai primi 6 mesi del 2019 e basati sui rapporti nazionali inviati mensilmente all’Oms. In quel periodo i casi di morbillo segnalati sono stati i più alti in assoluto a partire dal 2006, con focolai che mettono a dura prova i sistemi sanitari e provocano gravi malattie, disabilità e decessi in molte parti del mondo. Ci sono stati quasi tre volte il numero di casi segnalati finora nel 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Ciò segue i successivi aumenti annuali dal 2016, indicando un aumento preoccupante e continuo dell’onere globale del morbillo in tutto il mondo.

La repubblica democratica del Congo, il Madagascar e l’Ucraina hanno registrato il maggior numero di casi quest’anno. Tuttavia, evidenzia l’Oms, i casi sono diminuiti drasticamente in Madagascar negli ultimi mesi a seguito di campagne di vaccinazione contro il morbillo di emergenza a livello nazionale, mettendo in evidenza l’efficacia della vaccinazione nel porre fine alle epidemie e proteggere la salute.

I maggio focolai si verificano in Paesi con bassa copertura vaccinale, attualmente o in passato, che ha lasciato un gran numero di persone vulnerabili alla malattia.

Allo stesso tempo, si verificano epidemie protratte anche in Paesi con alti tassi di vaccinazione nazionali. Ciò deriva dalle disuguaglianze nella copertura vaccinale, dalle lacune e dalle disparità tra le comunità, le aree geografiche e le fasce d’età. Quando un numero sufficiente di persone che non sono immuni sono esposte al morbillo, può diffondersi molto rapidamente.

Gli Stati Uniti hanno riportato il numero più alto di casi di morbillo in 25 anni.

Nella regione europea dell’Oms, ci sono stati quasi 90.000 casi segnalati per i primi sei mesi di quest’anno: questo dato supera quelli registrati per l’intero 2018 (84.462) – già il più alto in questo decennio in corso.

Le ragioni per cui le persone che non sono state vaccinate variano in modo significativo tra le comunità e i Paesi, tra cui mancanza di accesso a servizi sanitari o vaccinali di qualità, conflitti e sfollamenti, disinformazione sui vaccini o scarsa consapevolezza della necessità di vaccinare.

In diversi Paesi, il morbillo si sta diffondendo tra i bambini più grandi, i giovani e gli adulti che in passato hanno perso la vaccinazione.

L’Oms esorta tutti a garantire che le vaccinazioni contro il morbillo siano aggiornate, con due dosi necessarie per proteggersi dalla malattia e per controllare il loro stato di vaccinazione prima del viaggio.

Il numero effettivo di casi è considerevolmente più alto di quelli segnalati attraverso i sistemi di sorveglianza a causa della incompletezza della segnalazione. L’Oms stima che vengano segnalati globalmente meno di 1 caso su 10. La completezza delle segnalazioni varia sostanzialmente in base al paese.

L’ultimo anno per il quale sono disponibili i casi globali di morbillo e le stime sulla morte dell’Oms è il 2017; in quell’anno ci furono 6,7 milioni di casi stimati di morbillo e 110.000 decessi stimati correlati al morbillo, sulla base di 173.330 casi segnalati.

Per l’attuale periodo del 2019, la regione africana dell’Oms ha registrato un aumento del 900% (ovvero un aumento di 10 volte), la regione europea del 120% (più di un aumento di due volte), la regione del Mediterraneo orientale del 50% (aumento di 1,5 volte), il Western Pacific Region 230% (un triplo aumento); la Regione del Sud-Est asiatico e la Regione delle Americhe hanno visto ciascuna una riduzione del 15% nei casi segnalati.

Dal 10 luglio 2018 al 30 giugno 2019, il numero più alto di casi in Europa è stato segnalato da Francia, Italia (1.831), Romania e Polonia.

Il morbillo continua a diffondersi in tutta Europa perché la copertura vaccinale in molti Paesi non è ottimale.

Infatti in solo 4 Paesi europei si è registrata una copertura vaccinale di almeno il 95%, la copertura ritenuta necessaria, Ungheria, Portogallo, Slovacchia e Svezia, nel 2017.

Se l’obiettivo di eliminazione deve essere raggiunto, molti Paesi hanno bisogno apportare miglioramenti sostenuti nella copertura dei loro programmi di immunizzazione infantile di routine e anche colmare le lacune immunitarie negli adolescenti e negli adulti che in passato hanno perso opportunità di vaccinazione.




permalink | inviato da paoloborrello il 30/8/2019 alle 9:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



27 agosto 2019

Lo stato di salute delle spiagge italiane

Qual è lo stato di salute ambientale e turistico delle coste italiane e il diritto di accesso alla spiaggia libera? A tracciare un quadro complessivo dei lidi della Penisola – caratterizzata da ben 3.346 km di coste sabbiose – è il rapporto Spiagge 2019 di Legambiente che fotografa una situazione complessa e variegata.

Nel nostro Paese le spiagge libere sono spesso un miraggio, quelle presenti sono il più delle volte di serie B e poste vicino a foci dei fiumi, fossi o fognature dove la balneazione è vietata.

A ciò va aggiunto l’impatto che ormai i cambiamenti climatici, l’erosione e il cemento selvaggio stanno avendo sulle coste ridisegnandole, il problema dell’inquinamento, l’accessibilità negata e quello delle concessioni senza controlli.

Dall’altra parte, però, in questi anni lungo il nostro litorale si è registrato un grande fermento green che punta, in maniera sempre più concreta, sulla sostenibilità ambientale, su un impegno plastic-free e sulla difesa della biodiversità come testimoniano le numerose storie selezionate in questo report e l’esperienza avviata attraverso il marchio “Ecospiagge per tutti”.

A parlar chiaro sono i dati e le esperienze virtuose raccolte dall’associazione ambientalista: in Italia sono ben 52.619 le concessioni demaniali marittime, di cui 11.104 sono per stabilimenti balneari, 1.231 per campeggi, circoli sportivi e complessi turistici, mentre le restanti sono distribuite su vari utilizzi.

Complessivamente si può stimare che le sole concessioni relative agli stabilimenti ed ai campeggi superano il 42% di occupazione delle spiagge, ma se si aggiungono quelle relative ad altre attività turistiche si supera il 50%.

Una situazione di sovraffollamento che lascia pochi spazi a quanti cercano spiagge per tuffi liberi.

Ci sono poi situazioni di illegalità che riguardano le coste come il caso di Ostia, nel comune di Roma, o quello di Pozzuoli dove muri e barriere impediscono addirittura di vedere e di accedere al mare, o di dune sbancate nel Salento per realizzare parcheggi e tirare su stabilimenti balneari.

Inoltre quasi il 10% delle coste è interdetto alla balneazione per ragioni di inquinamento.

In Veneto oltre un quarto della costa è in queste condizioni, mentre in Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Lazio oltre il 10% della costa rientra in questa categoria.

Se si considerano i tratti di costa non balneabili, un ulteriore 9,5% della costa risulta quindi non fruibile. Il risultato è che complessivamente nel nostro Paese la spiaggia libera e balneabile si riduce mediamente al 40%, con situazioni limite in Emilia-Romagna, Campania, Marche, Liguria dove diventa difficile da trovare quelle al contempo libere e balneabili.

“Con questo dossier – ha affermato Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente – vogliamo contribuire a costruire un dibattito sullo stato di salute delle coste italiane all’altezza delle sfide che avremo di fronte nei prossimi anni.

L’errore che non va commesso è quello di continuare ad affrontare gli argomenti separatamente, inseguendo la cronaca nel periodo estivo dei danni da cicloni o erosione, di spiagge libere e in concessione (con le polemiche sui canoni e sulla famigerata direttiva Bolkestein), dell’inquinamento dei tratti di costa.

Il paradosso, da cui dobbiamo assolutamente uscire, è che nel nostro Paese nessuno si occupa di coste. Non possiamo più permettercelo in una prospettiva climatica come quella che abbiamo descritto, e soprattutto non dobbiamo consentirlo, perché gli 8.000 chilometri di aree costiere italiane – con il suo sistema di porti, città e aree protette, rocce e spiagge – sono già oggi una straordinaria risorsa in chiave turistica che potrebbe rafforzarsi e allargarsi costruendo un’offerta sempre più qualificata, integrata e diversificata anche come aree e stagionalità”.

In particolare Legambiente torna a sottolineare l’importanza di definire nuove regole e politiche per rilanciare il ruolo delle aree costiere italiane fissando le sfide del futuro.

Occorre approvare una legge nazionale in materia di aree costiere, come fatto negli altri Paesi, che dia risposta alle tre sfide che abbiamo di fronte: 1) quello di garantire il diritto alla libera e gratuita fruizione delle spiagge; 2) di premiare la qualità dell’offerta nelle spiagge in concessione e 3) di prevedere dei canoni adeguati con risorse da utilizzare per la riqualificazione del patrimonio naturale costiero.

Per far ciò è indispensabile avviare un dialogo sinergico coinvolgendo in primo luogo il settore balneare, i cittadini e gli ambientalisti per ragionare insieme sul futuro delle spiagge italiane unendo qualità, accessibilità, sostenibilità e valorizzazione del territorio.

“Quando si parla di spiagge e concessioni non si dovrebbe parlare solo di Bolkestein come si fa in Italia – ha rilevato Sebastiano Venneri, responsabile mare di Legambiente -.

Si dovrebbe invece cominciare a ragionare su come valorizzare queste straordinarie potenzialità e come affrontare i problemi trovando soluzioni innovative, come fanno già molti Paesi europei dove si è scelto di premiare le imprese locali che scommettono sulla qualità e al contempo garantire che una parte maggioritaria delle spiagge sia garantita per la libera fruizione.

In Francia, ad esempio, la durata delle concessioni per i lidi non supera i 12 anni e l’80% del litorale deve rimanere libero. La sfida che vogliamo lanciare ai balneari è di ragionare insieme sul futuro delle spiagge italiane partendo da una lotta ai veri nemici del litorale: l’erosione costiera, il cemento e i cambiamenti climatici. Sono i balneari i primi ad essere interessati ad avere prospettive credibili di lavoro e di sicurezza, ma anche ad isolare quanti compiono abusi e illeciti.

La proposta è: ragioniamo assieme su regole per garantire un’offerta di qualità e al contempo l’accessibilità dei cittadini, su criteri che premino coloro che scommettono sulla valorizzazione del patrimonio ambientale e su strutture a impatto zero”.




permalink | inviato da paoloborrello il 27/8/2019 alle 8:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



8 agosto 2019

Irrisoria la spesa pubblica per l'università

Nel 2017 la spesa pubblica italiana per la pubblica istruzione ammontava a 66 miliardi di lire, poco meno della spesa per il pagamento degli interessi sul debito pubblico. Considerando la spesa pubblica per l’istruzione sia rispetto al Pil sia rispetto alla spesa pubblica totale, l’Italia si colloca agli ultimi posti delle classifiche europee e dalla crisi del 2007-2008 il divario con le medie dei Paesi dell’Unione europea si è allargato. E’ preoccupante soprattutto la situazione relativa alla spesa per l’istruzione universitaria, per la quale l’Italia è al penultimo posto in Europa. 

Tali considerazioni sono contenute nel rapporto, curato da Alessandro Caiumi, recentemente pubblicato dall’osservatorio sui conti pubblici, diretto da Carlo Cottarelli.

Più precisamente, nel 2017 la spesa per la pubblica istruzione è stata pari a 66,1 miliardi di euro, di cui 25,1 miliardi per l’istruzione primaria (prescolastica e elementare), 30,4 miliardi per quella secondaria (scuole medie, scuole superiori e istruzione post-secondaria non-terziaria), 5,5 miliardi per quella terziaria (università) e i restanti 5,1 miliardi per servizi sussidiari e altre categorie residuali.

L’Italia è stata l’unico paese dell’Unione Europea in cui la spesa per interessi sul debito pubblico (e altre spese collegate), pari a 69 miliardi nel 2017, ha ecceduto quella per l’istruzione (per 0,2 punti percentuali di Pil).

La spesa pubblica italiana per istruzione in percentuale di Pil, pari al 3,8% nel 2017, è ben al di sotto della media europea (4,6%).

L’Italia si colloca nelle ultime posizioni in Europa, seguita solamente da Bulgaria, Irlanda e Romania.

Se invece si considera la spesa pubblica per istruzione in percentuale di spesa pubblica totale, l’Italia è all’ultimo posto in Europa con solo il 7,9% a fronte di una media europea del 10,2%.

Preoccupa anche l’andamento della spesa pubblica per istruzione.

Dal 2007, infatti, la spesa per istruzione in percentuale di spesa pubblica totale è scesa di quasi due punti percentuali.

Nello stesso intervallo di tempo di tempo la media Ue è invece calata solo leggermente, passando dal 10,6% al 10,2%, il che significa che l’Italia oggi è più distante dalla media Ue di quanto non lo fosse prima della crisi.

I dati più preoccupanti riguardano l’istruzione universitaria.

Mentre nel 2017 l’Italia riportava cifre in linea con la media europea per l’istruzione primaria e secondaria (1,5 e 1,7% del Pil rispettivamente, a fronte di medie Ue di 1,5 e 1,9%), si apre un grosso divario quando si considera la spesa per istruzione terziaria.

Lo Stato ha speso, infatti, solo lo 0,3% del Pil per istruzione terziaria, nemmeno la metà della media europea dello 0,7.

In questa voce l’Italia è all’ultimo posto in Europa, a pari merito con il Regno Unito.

Una possibile ipotesi è che la bassa spesa per pubblica istruzione si debba alla struttura demografica della popolazione, ossia che l’Italia spenda meno dei partner europei poiché ha meno giovani.

Utilizzando la spesa media per popolazione 3-25 anni in pubblica istruzione in rapporto al reddito pro capite, indicatore che tiene conto sia del diverso numero di studenti sia del diverso livello delle risorse disponibili per finanziare la spesa, rispetto alle statistiche precedenti l’Italia migliora leggermente la sua posizione, avvicinandosi alla media Ue ma restandone al di sotto di 1,4 punti percentuali di Pil pro capite.

Compiendo questo esercizio per le tre principali categorie di istruzione (primaria, secondaria e terziaria) separatamente, emerge che il nostro Paese è leggermente al di sopra delle medie Ue per la spesa media in istruzione primaria e secondaria, mentre è penultima in Europa per istruzione terziaria, con una spesa media in percentuale di Pil pro capite del 5,3% a fronte di una media Ue del 10%.

Pur controllando per la struttura demografica, quindi, la spesa italiana per istruzione terziaria è molto bassa.

Si potrebbe argomentare che per colmare il divario di spesa pubblica per istruzione terziaria l’Italia faccia affidamento alla spesa privata.

Tuttavia, sebbene la quota di spesa privata sul totale in Italia (attorno al 30%) sia leggermente più alta rispetto alla media Ue, il totale tra spesa pubblica e privata per l’istruzione universitaria in percentuale di Pil è stato dello 0,6% nel 2015, al di sotto della media Ue (0,9%).

E’ difficile pensare che la carenza di spesa pubblica per istruzione universitaria non sia strettamente legata alla percentuale di persone che conseguono una laurea, solamente il 26,9% in Italia a fronte di una media europea del 39,9%.

Se da un lato è possibile che minori risorse impiegate (meno docenti, strutture peggiori, ecc.) non creino le condizioni ottimali per il conseguimento della laurea, non si può però escludere che tra le spiegazioni del basso numero di laureati vi sia una bassa propensione ad iscriversi all’università a causa dei rendimenti attesi.

In Italia gli adulti laureati guadagnano in media solo il 38% in più di coloro che dopo la scuola superiore non hanno proseguito gli studi, mentre la media Ocse è del 55% in più.

Questo fatto potrebbe essere motivato dalla scelta del percorso universitario: in Italia, infatti, la percentuale di laureati in discipline umanistiche, in media meno remunerative nel mercato del lavoro, è più alta rispetto agli altri Paesi (il 39% contro una media del 23).

In conclusione, anche tenendo conto degli aspetti demografici, l’Italia spende meno in istruzione terziaria rispetto agli altri Paesi europei.

Pur essendo difficile stabilire se la bassa percentuale di laureati sia un problema di domanda (i giovani non sono interessati ad iscriversi o a portare a termine il percorso) o di offerta (si spende meno e ciò riduce la qualità nell’istruzione terziaria e quindi l’interesse degli studenti), ciò non toglie che una seria lotta agli sprechi in altri settori potrebbe liberare risorse da far confluire nell’istruzione universitaria.

Anche alla luce dell’effetto che l’istruzione terziaria ha sull’inserimento nel mercato del lavoro e sulla formazione del capitale umano, sarebbe auspicabile assestarci su una spesa per l’università più vicina alle medie Ue ed Ocse.

Tale ultima valutazione contenuta nel rapporto citato la sottoscrivo pienamente.




permalink | inviato da paoloborrello il 8/8/2019 alle 9:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



5 agosto 2019

Poliziotti senza divise, Salvini ha preso in giro anche loro

Salvini molto spesso indossa le divise degli agenti della polizia di Stato. Sembra essere vicino ai problemi che contraddistinguono questi agenti. In realtà non fa nulla per destinare loro maggiori risorse finanziarie, da utilizzare per le divise, per la benzina delle auto a loro disposizione. Salvini pertanto prende in giro anche loro come prende in giro molti altri che, peraltro, continuano a votarlo o manifestare simpatia nei suoi confronti. 

I rappresentanti di diversi sindacati hanno criticato però Salvini e gli hanno rivolto precise richieste, per ora rimaste inascoltate.

Infatti, gli agenti sono costretti a fare uso di pantaloni logori e troppo grandi, magliette rotte e divise invernali anche in estate.

E’ la situazione in cui versa la polizia di Stato, alle prese con una vera emergenza: non ci sono uniformi per gli agenti, costretti ormai da anni ad acquistare con i propri soldi l’abbigliamento da lavoro.

A denunciare tale situazione è stato il sindacato “Libertà e sicurezza”, che a Palermo si è trovato costretto a comprare 12 pantaloni per coprire la carenza di questi indumenti.

Il segretario generale Giovanni Iacoi ha dichiarato però come il problema riguardi ormai tutta l’Italia: “A malincuore dobbiamo ammettere che ci arrivano segnalazioni da Nord a Sud e la situazione va avanti così da anni”.

L’allarme è partito da Palermo  dove il sindacato ha deciso di pagare di tasca propria i pantaloni necessari per permettere agli agenti di sostituire i capi d’abbigliamento vecchi e logori.

“Il nostro è solo un gesto simbolico” – ha spiegato Pasquale Guaglianone, segretario provinciale di Les -.

Così il segretario generale Giovanni Iacoi si è rivolto direttamente a Matteo Salvini.

“Siamo felici che il ministro utilizzi la nostra maglietta, vorremmo però chiedergli di permettere anche a noi l’onore di sfoggiare questa bella divisa”.

L’emergenza va avanti da quando, nell’ultima legge di bilancio, sono stati tagliati 2 milioni di euro destinati alle divise. Anche le stesse accademie degli allievi si trovano a dover affrontare lo stesso problema.

“Una volta gli allievi erano i primi a ricevere le divise, oggi invece gli uffici amministrativi si trovano costretti a chiedere ai ragazzi di pagarsi da soli il vestiario”, ha aggiunto Iacoi.

Ma non solo gli allievi sono costretti a mettere mano al portafoglio: i poliziotti si trovano spesso costretti a pagarsi da soli polo, pantaloni o magliette.

“Spesso mentre siamo in servizio, roviniamo le divise. E’ parte del nostro lavoro – ha continuato Iacoi – ma nessuno ci fornisce più capi sostitutivi. A volte bisogna accontentarsi di quel poco che si trova in magazzino. Se un agente indossa la taglia 46, si trova costretto a mettersi una 54 perché non abbiamo alternative. Pensate a quanto possa essere imbarazzante girare con i pantaloni cadenti e le magliette rotte”.

Si tratta di garantire le condizioni minime di decoro, spiegano dal sindacato. Anche durante la parata del 2 giugno, i poliziotti si sono dovuti arrangiare con uniformi di seconda mano.

“Una situazione del genere non sarebbe tollerabile per nessun capo dell’arma dei Carabinieri o della Guardia di Finanza, perché invece il capo della polizia tollera tutto ciò?” ha chiesto Iacoi.

“La verità – ha concluso Iacoi – è che sono stati spesi inutilmente 6 milioni di euro per i nuovi distintivi che si sono scollati il giorno dopo”.

In attesa di ricevere risposte concrete dal ministero, il segretario Iacoi ha lanciato un’ultima provocazione: “Credo che l’unica cosa che resta da fare è scendere in strada nudi”.




permalink | inviato da paoloborrello il 5/8/2019 alle 7:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



5 agosto 2019

Dal comitato di bioetica un sì al suicidio assistito

Tredici membri del comitato nazionale di bioetica, tra i quali il presidente, si sono dichiarati favorevoli alla legalizzazione del suicidio assistito in presenza di condizioni precise ed accertabili. Invece il Parlamento non ha ancora legiferato sul tema, come richiesto invece dalla Corte Costituzionale, e non ha nemmeno discusso in aula dei diversi disegni di legge presentati. 

Hanno espresso soddisfazione nei confronti di questo pronunciamento del comitato nazionale di biotica sia l’avvocato Filomena Gallo, segretario nazionale dell’associazione Luca Coscioni sia Marco Cappato tesoriere dell’associazione.

Filomena Gallo ha infatti dichiarato: “ concordo con l’onore al comitato  il cui parere fa emergere una riflessione e una disamina della tematica che investe in maniera trasversale giurisprudenza, norme e diritti costituzionalmente rilevanti.

Una parte del comitato va oltre anche la stessa decisione della Corte Costituzionale.

Un plauso a questo lavoro, un parere di grande portata, solo il legislatore italiano ha scelto di non decidere, sui temi che entrano nella vita delle persone saranno nuovamente i giudici delle leggi a dovere intervenire.

I pareri all’interno del comitato sono diversi. 11 membri si oppongono alla legalizzazione del suicidio assistito. Mentre sono 13 i membri favorevoli, incluso il presidente, in presenza di condizioni precise ed accertabili.

Ed è la simultanea soddisfazione delle condizioni indicate a fungere da garanzia per la tutela della persona malata e per il medico disposto ad accoglierne la richiesta di aiuto a morire.

Il comitato ha inoltre evidenziato che, nel rispetto delle condizioni indicate, la presenza di un trattamento di sostegno vitale è considerato una condizione aggiuntiva solo eventuale; ritenerla necessaria, infatti, creerebbe una discriminazione irragionevole e incostituzionale (ai sensi dell’articolo 3 della Costituzione) fra quanti sono mantenuti in vita artificialmente e quanti, pur affetti da patologia anche gravissima e con forti sofferenze, non lo sono o non lo sono ancora.

Si imporrebbe, inoltre, a questi ultimi di accettare un trattamento anche molto invasivo, come nutrizione e idratazione artificiali o ventilazione meccanica, al solo scopo di poter richiedere l’assistenza al suicidio, prospettando in questo modo un trattamento sanitario obbligatorio senza alcun motivo ragionevole”.

Marco Cappato ha,  invece, così commentato la decisione del comitato nazionale di bioetica: “Onore la comitato nazionale di bioetica, e non solo alla maggioranza che ha espresso una decisione rispettosa della libertà del malato, ma anche alla minoranza che si è opposta, perché almeno loro, al contrario del Parlamento italiano, hanno avuto il coraggio di dibattere e di scegliere.

Il 19 settembre terremo una grande manifestazione/concerto nazionale a Roma, ai giardini Welby, per chiedere proprio al Parlamento di farsi vivo – a 13 anni dalla lettera di Welby al presidente Napolitano e a 6 anni dal deposito della nostra legge di iniziativa popolare – invece di nascondersi dietro alla Corte Costituzionale. Per quanto ci riguarda, con Mina Welby e Gustavo Fraticelli, continuiamo ad aiutare i malati ad essere liberi di decidere fino alla fine”.




permalink | inviato da paoloborrello il 5/8/2019 alle 7:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



5 agosto 2019

In crescita lo sfruttamento sessuale dei minori stranieri

Un quarto delle vittime di tratta presunte o identificate in Europa sono minorenni e l’obiettivo principale dei trafficanti di esseri umani è lo sfruttamento sessuale. Sulle 20.500 vittime di uno dei sistemi più violenti e senza scrupoli che si conoscano, registrate nell’Unione europea nel biennio 2015-16, il 56% dei casi riguarda infatti la tratta a scopo di sfruttamento sessuale, con un pur consistente 26% legato allo sfruttamento lavorativo, una vittima su 4 ha meno di 18 anni, 2 su 3 sono donne o ragazze. In Italia le vittime di tratta accertate sono 1.660, con un numero sempre maggiore di minorenni coinvolti, cresciuti in un anno dal 9% al 13%.

Queste e molte altre informazioni sono contenuti  nel rapporto “Piccoli schiavi invisibili 2019”, realizzato da Save the Children.

La tendenza allo sfruttamento dei minori è in crescita come confermato degli operatori del progetto Vie d’Uscita di Save the Children, che nel 2018, in sole 5 regioni, hanno intercettato 2.210 vittime di tratta minori e neo-maggiorenni, un numero cresciuto del 58% rispetto alle 1.396 vittime del 2017.

Benché questi dati rappresentino solo la superficie di un fenomeno perlopiù sommerso, la sempre più giovane età delle vittime e la prevalenza dello sfruttamento di tipo sessuale trova conferma anche tra i 74 nuovi casi di minori che sono riusciti a uscire dal sistema di sfruttamento nel 2018 nel nostro Paese e sono stati presi in carico dai programmi di protezione istituzionale

Uno su 5, infatti, non supera in età i 15 anni e lo sfruttamento sessuale riguarda quasi 9 casi su 10.

Le vittime dello sfruttamento sessuale sono in grande maggioranza di origine straniera.

Provengono infatti dalla Nigeria o dai Paesi dell’est europeo e dai Balcani le ragazze che sono maggiormente esposte al traffico delle organizzazioni e reti criminali che poi gestiscono in Italia un circuito della prostituzione in continua crescita.

Il numero delle vittime di tratta minori e neo-maggiorenni intercettate in sole 5 regioni dagli operatori del progetto Vie d’Uscita di Save the Children è infatti cresciuto del 58%, passando dalle 1.396 vittime del 2017 alle 2.210 nel 2018, mentre i Paesi di origine sono per il 64% la Nigeria e per il 34% Romania, Bulgaria e Albania.

E’ il riscontro diretto di un fenomeno che, se proiettato su tutte le regioni italiane, in virtù della sua trasversalità territoriale, indica realisticamente che i minori o neo-maggiorenni sfruttati sessualmente in Italia sarebbero diverse migliaia.

“Lo sfruttamento sessuale di vittime così giovani e vulnerabili lascia nelle loro vite un segno indelebile con gravissime conseguenze. Anche nel caso più fortunato di una fuoriuscita, sono diversi gli ostacoli che le giovanissime vittime devono superare durante il percorso di inclusione e integrazione indispensabile per poter costruire un futuro dignitoso e autonomo.

Sono molte le testimonianze dirette in questo senso delle realtà che operano sul territorio che abbiamo voluto mettere in evidenza nel rapporto. Siamo impegnati da anni sul campo In Italia, con l’obiettivo di costruire relazioni di collaborazione sempre più forti con le organizzazioni e associazioni presenti sul territorio, e con le istituzioni ad ogni livello, per scongiurare il pericolo che la rete di intervento e protezione non riesca a trattenere proprio le vittime più fragili.

Un fenomeno di questa gravità e di queste proporzioni necessita infatti di un intervento nazionale coordinato tra tutti gli attori, in grado di garantire gli standard necessari ad una vera e propria azione di prevenzione, che deve scattare con tempestività appena le potenziali vittime entrano nel nostro Paese, e deve anche fornire i mezzi più efficaci per promuovere la fuoriuscita delle vittime e il loro percorso di integrazione,” ha dichiarato Raffaela Milano, direttrice dei programmi Italia-Europa di Save the Children.

Il business della tratta internazionale a scopo di sfruttamento sessuale in Italia si basa su un sistema in continua evoluzione, che si adatta al mutare delle condizioni.

Ad esempio, l’adescamento con la falsa promessa di un lavoro in Italia di vittime anche giovanissime nella Nigeria del sud, dove prevalgono condizioni di povertà e scarsa scolarizzazione, avveniva in gran parte a Benin City (Edo State), ma sembra essersi spostato più a sud, nel Delta State, anche per ovviare agli effetti di un editto della massima autorità religiosa del popolo Edo.

Le ragazze e le donne nigeriane, una volta giunte in Italia, dopo un viaggio attraverso la Libia e via mare dove subiscono abusi e violenze, devono restituire alla maman, la figura femminile che gestisce il loro sfruttamento, un debito di viaggio che raggiunge i 30.000 € e sono costrette a “lavorare” fino a 12 ore tutte le notti, anche per 10-20 € a prestazione, raccogliendo dai 300 ai 700 € al giorno.

Buona parte dei soldi servono però per pagare vitto, alloggio e vestiti, spesso anche per l’affitto del posto in strada dove si prostituiscono, e l’estinzione del debito diventa così quasi irraggiungibile. Il controllo delle vittime da parte dei trafficanti è assoluto e violento.

I trafficanti hanno inoltre spostato il circuito della prostituzione dai luoghi più facilmente identificabili, come le piazzole lungo le provinciali o le maggiori arterie stradali, verso luoghi “meno visibili”, il cosiddetto giro walk, come le fermate dei bus o i parchi, oppure all’interno delle case, che in alcuni casi sono connection-house, gestite e frequentate prevalentemente da connazionali, come quelle segnalate dagli operatori in Campania e Piemonte.

Sulle nostre strade è rimasta invece costante la presenza di ragazze di origine rumena o bulgara, ma si segnala un aumento delle ragazze di origine albanese, un ritorno, che riguarda anche i gruppi criminali albanesi in Italia, secondi solo a quelli nigeriani.

Il reclutamento delle vittime nei Paesi di origine avviene con metodi sempre più efficaci, come ad esempio in Romania, dove diverse testimonianze di vittime raccolte in Italia hanno rilevato l’esistenza di  “sentinelle” dei trafficanti che individuano in anticipo negli orfanotrofi le ragazze che stanno per lasciare le strutture al compimento dei 18 anni, e mettono in atto un adescamento basato – come per tutte le connazionali – su finte promesse d’amore e di un futuro felice in Italia, facendo leva sulla loro condizione di deprivazione affettiva.

“Un sistema di tratta degli esseri umani così forte e spietato nei confronti di ragazze quasi bambine e giovani donne, in grado di adattarsi e modificare il proprio operato per rimanere sommerso, rende più che mai necessario incentivare e rafforzare la cooperazione con i Paesi di origine e di transito, al fine di rafforzare la lotta alla tratta in quanto crimine internazionale e transnazionale.

In Italia occorre intensificare l’azione congiunta, anche promuovendo la definizione e adozione di protocolli e convenzioni per l’individuazione precoce delle vittime di tratta, sulla base di un approccio multi-agenzia che coinvolga tutti gli attori territoriali interessati, quali forze di pubblica sicurezza, enti giudiziari, enti locali, enti gestori dei centri di accoglienza, commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale.

Ogni singola vittima va aiutata a fruire pienamente del sistema di protezione istituzionale per sottrarsi ai propri aguzzini” ha sottolinea Antonella Inverno, responsabile politiche per l’infanzia di Save the Children Italia.

La risposta del sistema italiano di tutela delle vittime di tratta è ancora frammentaria ed è necessario potenziarla, come rilevato anche dal gruppo di esperti del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani (Greta) che nel 2018 ha condotto una missione di valutazione del quadro normativo e istituzionale nel nostro Paese rispetto all’applicazione della convenzione europea in materia.

Molti passi devono inoltre ancora essere fatti per potenziare la prevenzione e l’emersione del fenomeno attraverso una formazione specifica dei funzionari delle forze dell’ordine, il personale della polizia di frontiera, i professionisti che lavorano nei punti di sbarco e nella prima accoglienza dei migranti e dei richiedenti asilo, dei procuratori, dei giudici, dei funzionari dell’asilo, degli assistenti sociali, degli ispettori del lavoro, degli avvocati, degli esperti dell’infanzia e degli operatori sanitari.

“Non si può ignorare – ha aggiunto Raffaela Milano –  il fatto che il fiorente mercato dello sfruttamento sessuale delle minorenni in Italia è legato alla presenza di una forte “domanda” da parte di quelli che ci rifiutiamo di definire “clienti”, i quali sono parte attiva del processo di sfruttamento.

E’ necessario rafforzare l’azione di contrasto e, allo stesso tempo, promuovere iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica e in particolare i più giovani sui danni gravissimi che questo mercato provoca sulle ragazze che ne sono vittima”.

“Il fenomeno della tratta e del grave sfruttamento di esseri umani, in particolare di minori, rappresenta una sfida più che attuale per le autorità italiane. Lo sfruttamento sessuale delle donne e delle ragazze originarie della Nigeria, dei Balcani e dei Paesi dell’Est Europa continua a essere perpetrato e si adatta ai tempi.

Al suo mutare emergono nuove criticità, mentre altre, che già esistevano, rischiano di diventare croniche. Intercettare e intervenire sulle criticità che gli operatori incontrano sia nell’aggancio, che nel sostegno delle vittime durante il loro percorso di fuoriuscita dalla situazione di assoggettamento, e di integrazione poi, è fondamentale per garantire a queste donne, talvolta giovanissime, la possibilità di immaginare nel nostro Paese un futuro diverso, lontano da violenza e sfruttamento” ha conclude Raffaela Milano.




permalink | inviato da paoloborrello il 5/8/2019 alle 7:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



5 agosto 2019

La corruzione aumenta, per colpa di politici, funzionari e cittadini

Si è tornati ad occuparsi di corruzione, della sua diffusione in tutta Italia. Non sembra proprio che tale fenomeno tenda a ridursi. Le dichiarazioni di Gherardo Colombo, che faceva parte del pool di magistrati che si occupò dell’inchiesta “Mani Pulite”, in occasione dei funerali  di Francesco Saverio Borrelli, sono state molto esplicite a questo proposito. Le stesse dimissioni di Raffaele Cantone da presidente dell’Anac, l’autorità anticorruzione, indicano che esistono attualmente notevoli problemi nell’attività di prevenzione del fenomeno. 

Quindi ci si può legittimamente porre la seguente domanda: cosa è rimasto di Tangentopoli?

E per rispondere a questa domanda possono essere utile le considerazioni di tre “testimoni”, riportate in un articolo di Serena Uccello, pubblicato su www.ilsole24ore.com, dopo 25 anni dall’arresto di Mario Chiesa, avvenuto il 17 febbraio del 1992, da cui ebbe inizio l’inchiesta “Mani Pulite”.

Gherardo Colombo nel libro “Lettera a un figlio su Mani Pulite” ha scritto: “…il danno più grave causato da Tangentopoli credo risieda nel continuo stravolgimento delle regole, nel tradimento della loro funzione, nell’affermarsi di una cultura fondata sul privilegio, sulla sopraffazione. E che quindi ostacola l’attuazione della democrazia…

Premesso che chi è pericoloso deve essere isolato per la sicurezza di tutti, oggi sono convinto che infliggere il male in risposta alla violazione della legge non fa che legittimarlo. La risposta a chi contravviene alle regole dovrebbe essere formativa e riconciliativa…

Se Mani pulite ha costituito un tassello importante nel mio percorso di crescita, credo possa servire a tutti almeno sotto due profili diversi: da una parte, lo ripeto, perché ha diffuso notizie prima nascoste; dall’altra perché ha mostrato che i problemi non possono essere risolti delegandoli ad altri.

E che soprattutto non si può delegare a una funzione come quella giudiziaria che è stata creata per occuparsi di devianze marginali in un contesto di generale rispetto delle regole da parte della società, la soluzione di questioni endemiche…”.

Secondo Piercamillo Davigo,  anche lui componente del pool di magistrati di “Mani Pulite” se in questi anni la cosiddetta corruzione accentrata, per intenderci la maxi tangente Enimont, ha avuto un oggettivo ridimensionamento, è invece cresciuta senza arrestarsi quella decentrata, quella che si incunea nella amministrazione pubblica, la piccola e media tangente che deforma e corrode.

Al punto che dalla pagine del “Corriere della Sera”, Davigo arriva all’amara conclusione: “E’ drammatico quanto poco sia cambiata la situazione e quanto sulla corruzione peggiori la deriva dell’Italia nel panorama internazione”.

Piergiorgio Baita, ex amministratore delegato di Mantovani, nel 1992 coinvolto nella Tangentopoli veneta e oggi, testimone chiave al processo Mose, ha dichiarato: “Prima del 1992 c’era un rapporto diretto tra gli imprenditori e la politica.

Il ’92 se vogliamo, storicamente, è l’epoca in cui sono stati spazzati via i segretari amministrativi dei politici, i Severino Citaristi, coloro cioè che raccoglievano i soldi dagli imprenditori per finanziare la politica.

La differenza principale è che in quella fase gli individui rappresentavano i partiti, erano i partiti.

Oggi non è più così, oggi nessuno si sognerebbe di dire che i vari Galan sono il partito; allo stesso modo allora nessuno dentro la Dc si sarebbe sognato di dire che Citaristi prendeva soldi in proprio.

Oggi gli individui sono nel partito per prendere soldi, non prendono i soldi per il partito.

L’altra grande evidenza è che nel ’92 tra gli arrestati si potevano trovare le due categorie: imprenditori e politici. Chi rimase totalmente fuori furono i funzionari, la burocrazia.

Ciò getta le fondamenta per il cambio strutturale della corruzione: il potere crescente che acquisisce la burocrazia rispetto alla politica.

Comunque l’elemento centrale del ’92 è il disvelamento di un meccanismo di finanziamento della politica cresciuto al punto tale da condizionare la vita economica di alcuni settori produttivi, quindi la vita economica del Paese, quindi la vita del Paese, e cioè la cultura, la mentalità.

Il punto di non ritorno di quella fase storica è stato il discorso che Bettino Craxi ha pronunciato il 3 luglio del ’92 Un discorso tenuto alle Camere, mica in un convento: alle Camere e zitti tutti.

Si trattava di un sistema ipocritamente accettato da tutti e sostanzialmente venuto alla luce perché il fondamento era venuto a mancare.

L’arresto di Mario Chiesa è la contingenza storica ma non è la causa di Mani Pulite. La causa reale è che si era rotto il patto tra politica e impresa”.

Quindi da tali dichiarazioni si conferma quanto è sotto gli occhi di tutti. La corruzione non è diminuita rispetto al periodo di Tangentopoli, ha cambiato alcune delle sue caratteristiche e forse è anche aumentato.

Aggiungo che le responsabilità non sono solo dei burocrati e dei politici, ma anche dei cittadini i quali, spesso, sono disponibili a corrompere quando lo ritengono necessario e tacciono quando vengono a sapere del verificarsi di attività di corruzione. 

 




permalink | inviato da paoloborrello il 5/8/2019 alle 7:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     luglio        settembre
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom