.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


30 agosto 2019

Allarme morbillo anche in Europa

L’Oms, l’organizzazione mondiale per la sanità, ha reso noti nuovi dati circa la diffusione del morbillo, relativi ai primi 6 mesi del 2019 e basati sui rapporti nazionali inviati mensilmente all’Oms. In quel periodo i casi di morbillo segnalati sono stati i più alti in assoluto a partire dal 2006, con focolai che mettono a dura prova i sistemi sanitari e provocano gravi malattie, disabilità e decessi in molte parti del mondo. Ci sono stati quasi tre volte il numero di casi segnalati finora nel 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Ciò segue i successivi aumenti annuali dal 2016, indicando un aumento preoccupante e continuo dell’onere globale del morbillo in tutto il mondo.

La repubblica democratica del Congo, il Madagascar e l’Ucraina hanno registrato il maggior numero di casi quest’anno. Tuttavia, evidenzia l’Oms, i casi sono diminuiti drasticamente in Madagascar negli ultimi mesi a seguito di campagne di vaccinazione contro il morbillo di emergenza a livello nazionale, mettendo in evidenza l’efficacia della vaccinazione nel porre fine alle epidemie e proteggere la salute.

I maggio focolai si verificano in Paesi con bassa copertura vaccinale, attualmente o in passato, che ha lasciato un gran numero di persone vulnerabili alla malattia.

Allo stesso tempo, si verificano epidemie protratte anche in Paesi con alti tassi di vaccinazione nazionali. Ciò deriva dalle disuguaglianze nella copertura vaccinale, dalle lacune e dalle disparità tra le comunità, le aree geografiche e le fasce d’età. Quando un numero sufficiente di persone che non sono immuni sono esposte al morbillo, può diffondersi molto rapidamente.

Gli Stati Uniti hanno riportato il numero più alto di casi di morbillo in 25 anni.

Nella regione europea dell’Oms, ci sono stati quasi 90.000 casi segnalati per i primi sei mesi di quest’anno: questo dato supera quelli registrati per l’intero 2018 (84.462) – già il più alto in questo decennio in corso.

Le ragioni per cui le persone che non sono state vaccinate variano in modo significativo tra le comunità e i Paesi, tra cui mancanza di accesso a servizi sanitari o vaccinali di qualità, conflitti e sfollamenti, disinformazione sui vaccini o scarsa consapevolezza della necessità di vaccinare.

In diversi Paesi, il morbillo si sta diffondendo tra i bambini più grandi, i giovani e gli adulti che in passato hanno perso la vaccinazione.

L’Oms esorta tutti a garantire che le vaccinazioni contro il morbillo siano aggiornate, con due dosi necessarie per proteggersi dalla malattia e per controllare il loro stato di vaccinazione prima del viaggio.

Il numero effettivo di casi è considerevolmente più alto di quelli segnalati attraverso i sistemi di sorveglianza a causa della incompletezza della segnalazione. L’Oms stima che vengano segnalati globalmente meno di 1 caso su 10. La completezza delle segnalazioni varia sostanzialmente in base al paese.

L’ultimo anno per il quale sono disponibili i casi globali di morbillo e le stime sulla morte dell’Oms è il 2017; in quell’anno ci furono 6,7 milioni di casi stimati di morbillo e 110.000 decessi stimati correlati al morbillo, sulla base di 173.330 casi segnalati.

Per l’attuale periodo del 2019, la regione africana dell’Oms ha registrato un aumento del 900% (ovvero un aumento di 10 volte), la regione europea del 120% (più di un aumento di due volte), la regione del Mediterraneo orientale del 50% (aumento di 1,5 volte), il Western Pacific Region 230% (un triplo aumento); la Regione del Sud-Est asiatico e la Regione delle Americhe hanno visto ciascuna una riduzione del 15% nei casi segnalati.

Dal 10 luglio 2018 al 30 giugno 2019, il numero più alto di casi in Europa è stato segnalato da Francia, Italia (1.831), Romania e Polonia.

Il morbillo continua a diffondersi in tutta Europa perché la copertura vaccinale in molti Paesi non è ottimale.

Infatti in solo 4 Paesi europei si è registrata una copertura vaccinale di almeno il 95%, la copertura ritenuta necessaria, Ungheria, Portogallo, Slovacchia e Svezia, nel 2017.

Se l’obiettivo di eliminazione deve essere raggiunto, molti Paesi hanno bisogno apportare miglioramenti sostenuti nella copertura dei loro programmi di immunizzazione infantile di routine e anche colmare le lacune immunitarie negli adolescenti e negli adulti che in passato hanno perso opportunità di vaccinazione.




permalink | inviato da paoloborrello il 30/8/2019 alle 9:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     luglio        settembre
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom