.
Annunci online

paoloborrello.it
         

Altri Link
visita il sito di Amnesty International
visita il sito dell'associazione Luca Coscioni
 visita il sito del Gruppo Abele
visita il sito Libera
visita il sito Save the Children
visita il sito di Legambiente
visita il blog per la verità sulla morte di Aldo Bianzino
visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione
visita il sito Liberainformazione
visita il sito PeaceReporter
visita il sito Tuttoconsumatori
visita il sito dell'Associazione Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale
visita il sito di Barack Obama
visita il sito de lavoce.info
visita il sito nel Merito
visita il sito di Nazirock
contro il razzismo
visita il sito di Altan
visita il sito di Angese
visita il sito di Sergio Staino
visita il sito di Vauro


1 marzo 2021

Il Recovery Plan deve far crescere il Pil

E’ noto che nel 2020 il Pil in Italia, a causa della pandemia, è diminuito fortemente. Si ipotizza che la riduzione sia stata pari a circa il 9%. Anche negli anni precedenti, però, l’andamento del Pil, nel nostro Paese, è stato insoddisfacente. Di qui un ulteriore motivo perché il Recovery Plan sia finalizzato, soprattutto, ad ottenere, nei prossimi anni, una notevole crescita del Pil.

Se si considera l’andamento del Pil in Italia negli ultimi 20 anni, dal 2001 in poi, generalmente, quando si è verificata una recessione, il Pil in Italia è diminuito di più rispetto alla media europea. Quando invece è aumentato, è cresciuto di meno della media europea.

Alcuni dati dimostrano con chiarezza quanto avvenuto.

Nel 2001 il Pil italiano valeva il 17,7% del Pil complessivo dei Paesi dell’Eurozona. Oggi invece vale il 14,5%.

Nel 2001 il Pil pro capite in Italia era uguale alla media dei Paesi dell’Eurozona. Oggi invece è pari all’82,8% di quella media.

E’ evidente che l’andamento insoddisfacente del Pil in Italia ha determinato delle conseguenze negative. In primo luogo ha determinato un livello dell’occupazione inadeguato e, pertanto, un tasso di disoccupazione elevato.

Le cause di questo andamento del Pil nel nostro Paese sono molte, da un’eccessiva burocrazia a un sistema fiscale che ostacola chi intende crescere, a un sistema produttivo troppo frammentato e spesso concentrato su settori a basso valore aggiunto e sottoposti fortemente alla concorrenza internazionale.

Di qui la necessità che il Recovery Plan italiano sia finalizzato, soprattutto, ad ottenere, nei prossimi anni, una notevole e stabile crescita del Pil, aumentando quello che gli economisti chiamano il prodotto potenziale.

Quindi il Recovery Plan deve favorire l’effettuazione di investimenti, pubblici e privati, produttivi, piuttosto che la spesa corrente.

E deve inoltre consentire quelle riforme, richieste peraltro dall’Unione europea, dalla riforma della pubblica amministrazione, alla riforma della giustizia, alla riforma del sistema fiscale, ad esempio, che possono determinare un aumento del prodotto potenziale.

Di queste riforme se ne parla da anni, senza ottenere risultati significativi.

Il Recovery Plan può, deve, essere l’occasione affinchè, quanto meno, si inizi la realizzazione di quelle riforme.




permalink | inviato da paoloborrello il 1/3/2021 alle 11:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     febbraio        aprile
 







visita Bloglaici

visita meglioliberi

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Altri Blog


paoloborrello.wordpress
2piu2uguale5
accade
adestra
agiamo
agoradelpoeta
alchimia
alitodivento
aljihadalakbar
amanolibera
ambienteonline
andreasfondrini
annie80
antifascismoresistenza
aquilonesenzavento
arcadia77
arciprete
astronik
aujourdhuitina
avocado
babate
bartolomeonicolotti
biblioceca
bluevelvet
calibano
carnesalli
charliebrown01
chupachupa
clandestinodellavita
contracorriente
comunitaproletarieresistenti
degiorgioblog
demos
dexterh46
diarioestemporaneo
dicosemprelamia
didascalos
dilia
dinolattuca
dinottelaluna
discutendo
dituttosututto
donatellacamatta
ecarta
efesto
eleonoraporta
emanuelafanelli
emmart
energiapulita1
enne-stranigiorni
esperimento
espressione
eugualemalquadrato
fabiopeluso
fabiopiselli
fattiedisfatti
federicoaldrovandi
fedevegan
fioridialicanto
fioriecannoni
fiorirosa
floreana2
fort
francescoferrari
francobrain
fuorimargine
garbo
gdzito
geco
giovannicera
gliincapaci
grifo87
gurgling
HeavenonEarth
hellbove
hertory
i400colpi
ilmale
impollinaire
ilmondoallarovescia
ilmondosecondome
iotocco
ilpopolosovrano
ilpuntoimproprio
ilsalottodellalternativo
ilteatrino
inprospettiva
iojulia
ioletta
irandemocratico
italiasvegliati
irlanda
kissaseva
koli00
KudaBlog
l_antonio
laurarocatello
lafinestrasulcortile
lamiacaverna
lampinelletenebre
lavagnabianca
lessicodemocratico
liberidivolare
liberolanima
lindadicielo
litecondominiale
lorenzaferrari
lostrazzablogg
lucania
mamotati
mancio
marinopaola
mietta
milleeunanotte
mimmoguarino
mimuovofacciocose
mirabaud
mojorising
mr-loto
murodemocratico
nathan2000
newfablog
nikiaprilegatti
noncontromaper
no-fog
noicittadinilucani
notes-bloc
nuvolasenzainverno
nuvolese
occhiodelciclone
onoenergy
opinionidirette
orgogliodemocratico
padrepuglisi
palagniak
paolodemartino
pdg
pellizzer
pensierididonna
penultimi
picnicconlefragole
pierluigilido
pilloledicucina
pinodeluca
pitunpi
point
portavoce
pqlascintilla
precariamente
quartieri
quoterosashokking
redbiker
redentatiria
riccardo-uccheddu
rigirandola
rosavalenti
rossellagrenci
sacchegiatorcortese
salviamocarrara
salviamoitalia
sarditudine
saxer
serenacolonna
sergiobontempelli
solealtonelcielo
sonogians
sonounitagliano
spensieratoaviator
svegliaitalia
tavolodelledonne
terzadimensione
terzostato
tisbe
tuttoblog
universopolitico
valentinaconticello
valerioascenzi
valeriabonanno
valeriopieroni
valigetta
vicolodeigatti
vincenzaperilli
virginie
virtualblog
volipindarici
volodinotte
volovivace
voltirivolti
vulcanochimico
williamnessuno
windofchange
wrong
zibaldone2
zonaliberata
zuccherofarinaecompany


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom