Blog: http://PaoloBorrello.ilcannocchiale.it

"Il Manifesto" ha compiuto 50 anni

Il giornale “Il Manifesto” ha compiuto 50 anni. E’ il quotidiano nazionale più longevo dopo “Il Corriere della Sera” e “La Stampa”. “Il Manifesto” ha svolto un ruolo molto importante nella storia del giornalismo italiano e nel mondo politico.

Infatti fu fondato da un gruppo di persone che furono radiate dal Pci e che non solo diedero vita a un quotidiano, comunista come scritto per molti anni in prima pagina, ma che, una parte di loro, crearono anche un nuovo partito.

Non intendo soffermarmi sul ruolo svolto da “Il Manifesto” a livello giornalistico e a livello politico.

Mi limito a sottolineare che cosa ha significato per me “Il Manifesto”.

Infatti, per una decina di anni, io l’ho letto ogni giorno.

Poi non più, perché le mie posizioni politiche cambiarono e diventarono diverse da quelle espresse dal giornale in questione.

Ma, nonostante questo, “Il Manifesto” fu fondamentale per la mia formazione politica.

Infatti, soprattutto grazie ai principali suoi fondatori, da Pintor alla Rossanda a Parlato, imparai una concezione della politica che non poteva prescindere dalle idee, dalle convinzionie che non si poteva limitare alla pura e semplice ricerca e gestione del potere.

Inoltre, appresi l’importanza dello spirito critico nella politica, della necessità di non dare nulla per scontato e di esprimere le proprie posizioni anche se in contrasto con quelle che nei partiti o nei movimenti venivano assunte dalla maggioranza dei loro componenti.

E, poi, la necessità di riflettere sui fatti politici, di approfondire le proprie conoscenze riguardo ad essi, senza abbandonarsi a preconcetti, a slogan, ad analisi frettolose.

E quanto ho scritto mi ha accompagnato, fino ad oggi, nel mio “iter” politico, anche se in partiti e movimenti con posizioni molto diverse da quelle espresse all’inizio da “Il Manifesto” e anche successivamente, fino ad oggi.

Quindi devo ringraziare “Il Manifesto” e il mio incontro con questo giornale fu appunto fondamentale.

E senza quell’incontro, molto probabilmente, il modo con cui ho fatto politica sarebbe stato molto diverso e senza dubbio peggiore.

Pubblicato il 29/4/2021 alle 10.20 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web